“L’importanza della memoria (il mio 25 aprile)”Tribuno del Popolo
sabato , 21 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
“L’importanza della memoria (il mio 25 aprile)”

“L’importanza della memoria (il mio 25 aprile)”

Riceviamo e pubblichiamo con sconfinato piacere un magnifico contributo della giovanissima Sofia Tiberi, diciannovenne studentessa di Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.La cultura dominante ci abitua all’immagine stereotipata del giovane apatico, dissacratore, indifferente e privo di valori.La sincera e appassionata riflessione di Sofia dimostra che la realtà è ben diversa.La canea fascistoide che appesta il mondo non avrà vita facile. Grazie a Sofia, oggi, ne siamo ancora più convinti. No pasarán: nè ieri, nè oggi, nè domani.

Vorrei cercare di spiegarvi cosa rappresenti per me il 25 aprile e per quale motivo all’età di 19 anni io abbia avuto interesse nel rendermi partecipe della nascita di una sede ANPI.1

In molte famiglie italiane c’è la tradizione di fare il Presepe l’8 Dicembre, di non mangiare carne prima di Pasqua; nella mia famiglia è tradizione andare ad Orvieto il 29 Marzo, per la commemorazione dei Sette Martiri2. Comincio a spiegarmi da qui poiché il mio bisnonno, Ulderico Stornelli era uno di questi uomini, uno di questi partigiani, che hanno portato avanti le loro convinzioni nonostante tutto, nonostante le rappresaglie fasciste, nonostante corressero il rischio di essere scoperti, di essere trovati mentre si rifugiavano lontani da casa loro, a volte anche dalle loro famiglie. Dopo anni da incubo, in cui le squadre fasciste entravano nelle loro case anche nel pieno della notte cercando bandiere rosse; dopo anni di torti subiti per le idee politiche; il 29 Marzo del 1944 seduti sulle loro stesse bare Ulderico Stornelli, Alberto Poggiani, Raimondo Lanari, Amore Rufini, Raimondo Gugliotta, Dilio Rossi, Federico Cialfi andavano incontro alla morte. In una lettera che Ulderico lasciò alla moglie scrive: “Non vergognatevi di me, mi sparano al petto e non alle spalle; non sono una spia né un traditore, siate liberi come lo sono sempre stato io.”

Fino alla fine, anche mentre scavavano con le proprie mani le fosse in cui sapevano sarebbero stati sotterrati i loro corpi senza vita, questi uomini non si sono mai piegati, non si sono mai fatti corrompere o comprare; e questa è una cosa che mi affascina tutt’oggi, come quando ho sentito questa storia per la prima volta, più o meno all’età di 8 anni.

Io credo che se oggi c’è ancora chi si definisce fascista può e deve esserci chi si definisce ANTIFASCISTA, perché al di là dell’orientamento politico si deve conoscere il male che il fascismo ha portato e che purtroppo continua ad influenzare anche la nostra generazione.

Alla luce di tutto questo, credo che sia non importante ma fondamentale che ci sia una sede ANPI proprio in zone come questa; per far capire a coloro che si definiscono “i fascisti nel nostro secolo” pensando di poter agire indisturbati che si sbagliano, che c’è qualcuno che non gliela darà vinta, che c’è qualcuno che non li lascerà fare, che c’è ancora qualcuno che non è disposto a piegarsi, che c’è ancora qualcuno che non si farà corrompere o comprare.

Sofia Tiberi

Fontehttp://www.laricostruzione.org/?p=444

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top