L'incubo non va via da GazaTribuno del Popolo
martedì , 12 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

L’incubo non va via da Gaza

Siamo giunti al terzo giorno di operazioni di terra da parte dell’esercito israeliano a Gaza e il numero dei morti ha ormai superato i trecento. I palestinesi continuano a morire e la comunità internazionale, come al solito, è assolutamente impotente.

Ancora morte, ancora incubi a Gaza, città martire dove ogni giorno da una settimana a questa parte muoiono vittime innocenti a causa dei bombardamenti israeliani. Tel Aviv, dal conto suo, continua a dire di “difendersi”, ma le immagini delle case sbrecciate dei palestinesi e le sofferenze indicibili di un popolo mostrano chiaramente quanto sia grottesca questa definizione data dal governo israeliano. Così nelle scorse ore è andata avanti, inesorabile, l’operazione “Margine di Protezione” dell’esercito israeliano, passata ora alla fase due, ovvero quella delle operazioni di terra. Da dodici giorni si muore a Gaza, e il numero di vittime ha raggiunto già 316 e sembra destinato a salire senza che nessuno nella comunità internazionale riesca a fermare la guerra. Dal conto suo Hamas si difende, e continuando il lancio di razzi verso Israele, che per dover di cronaca finora hanno causato un solo morto tra gli israeliani, ingaggia battaglia anche a Beit Lahia e Khan Younis, dove un soldato israeliano sarebbe stato ferito gravemente nella notte. Difficile però dire effettivamente un bilancio verosimile dei combattimenti avvenuti in nottata, quello che si sa è che l’esercito israeliano ha distrutto alcuni tunnel sotterranei che collegano la Striscia ai territori dei coloni, un ulteriore modo di isolare la Striscia e Gaza dal mondo. Tel Aviv accusa Hamas di utilizzare i tunnel per trasportare le armi e i razzi, e intanto alcuni miliziani palestinesi sarebbero riusciti a sconfinare in territorio israeliano. Così mentre Israele richiama 18.000 riservisti nella notte quasi sicuramente una nuova pioggia di fuoco si scatenerà su Gaza, e chissà quanti ragazzini come quelli che giocavano sulla spiaggia qualche giorno fa saranno vittime inconsapevoli di una folle guerra.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top