Londra. Guardian accusa: "Spiati capi di Stato nel G20 del 2009"Tribuno del Popolo
martedì , 17 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Londra. Guardian accusa: “Spiati capi di Stato nel G20 del 2009″

Londra. Guardian accusa: “Spiati capi di Stato nel G20 del 2009″

Secondo il quotidiano Guardian il governo inglese avrebbe fatto spiare politici e funzionari stranieri nel G20 del 2009 a Londra.

Photo credit

Avete presente James Bond? Evidentemente in Gran Bretagna lo hanno preso molto seriamente visto che, secondo il sito online del Guardian, il governo di Londra avrebbe spiato politici e funzionari delle delegazioni straniere presenti al vertice del G20 del 2009 che si tenne a Londra. Secondo il quotidiano britannico l’operazione venne attuata attraverso intercettazioni telefoniche e allestendo dei sistemi di controllo nei computer di alcuni Internet cafè frequentati dalle delegazioni per poter leggere le mail dei politici. Queste nuove e inquietanti rivelazioni sono giunte a pochi giorni dall’esplosione dello scandalo “Datagate” negli Stati Uniti. A operare materialmente queste “spiate” ci avrebbe pensato il Gchq britannico, con la collaborazione di alcuni agenti Nsa degli Stati Uniti, che avrebbero spiato conversazioni segrete dell’allora presidente russo, Dmitri Medvedev. Secondo il Guardian alcuni delegati del G20 avrebbero utilizzato un Internet Cafè preparato appositamente dall’Intelligence britannica per leggere le mail inviate e ricevute.  E secondo il quotidiano inglese, oltre alle mail, il monitoraggio comprendeva anche il tracciamento delle telefonate soprattutto riguardanti i delegati del Sud Africa e della Turchia.  Il portavoce del ministro degli Esteri britannico si è rifiutato di commentare la notizia, così come al momento non ci sono prese di posizione del partito laburista, al potere nel 2009.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top