L'Ucraina volta le spalle all'EuropaTribuno del Popolo
giovedì , 21 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

L’Ucraina volta le spalle all’Europa

Kiev ha rinunciato all’accordo di associazione dell’Ue a meno di sette giorni dalla firma. L’Ucraina ha deciso di stringere i legami con Mosca, per quella che si configura come una svolta storica.

Una svolta storica quella dell’Ucraina che ha ufficialmente deciso di rinunciare all’accordo di associazione con l’Ue a sette giorni dalla firma prevista. Il motivo è molto semplice, Kiev ha deciso di rilanciare le relazioni economiche con il grande vicino russo, una svolta che porterà importanti conseguenze a breve e medio termine nelle relazioni internazionali. Il premier ucraino, Mykola Azarov, ha firmato un decreto per “sospendere il processo di preparazione dell’accordo di associazione tra Ucraina e Ue“. Da tempo l’associazione all’Ue è un pomo della discordia tra Kiev e Mosca, con la Russia che ultimamente ha profuso sforzi importanti per impedire questa evenienza, arrivando persino a larvate minacce di ritorsioni economiche. Aleksander Kwasniewski, inviato Ue per l’Ucraina, ha confermato che a Vilnius il 29 novembre per il vertice previsto non verrà firmato alcun trattato di ingresso di Kiev nell’Ue. Tale presa di posizioni è giunta all’indomani della decisione del Parlamento ucraino di bocciare le proposte di far curare all’estero l’ex premier Yulia Tymoshenko. Insomma l’Ucraina ha impresso un brusco stop al processo di integrazione europea, e questa decisione potrebbe avere importanti ripercussioni per quanto riguarda il settore energetico. Giusto qualche giorno fa proprio la Commissione Ue aveva resto noto di stare per definire l’accordo per far passare le importazioni di gas dalla Slovacchia al fine di ridurre la dipendenza dalla Russia. Kiev ha infatti deciso da un anno di importare gas dall’Ungheria e dalla Germania grazie a un accordo con il gruppo tedesco Rwe, questo nella speranza di ridurre almeno del 40% la dipendenza dal gas di Mosca.

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/kronny/7435031294/”>Vladimir Yaitskiy</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top