Magalli Presidente della Repubblica e la rabbia dei benpensantiTribuno del Popolo
lunedì , 29 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Magalli Presidente della Repubblica e la rabbia dei benpensanti

Il “pacioso” Giancarlo Magalli ha vinto le “Quirinarie” indette da “Il Fatto Quotidiano” e subito i “benpensanti” hanno attaccato la scelta con il quotidiano che gli ha anche chiesto di ritirarsi da una sua eventuale corsa al Quirinale. In tanti preferiscono ricordare che l’elezione del Presidente della Repubblica è una cosa seria, ma evidentemente non si rendono conto del malcontento del Paese reale…

Alla fine no, Giancarlo Magalli non ritirerà la sua eventuale candidatura al Quirinale. Glielo aveva cortesemente chiesto il Fatto Quotidiano dal momento che il celebre presentatore televisivo ha clamorosamente vinto le “Quirinarie” indette dal quotidiano. La cosa ovviamente ha sorpreso e indignato molti ma Magalli ha detto di no, “perché sarebbe stato prendere in giro le migliaia di persone che hanno sostenuto questa pazza idea, pur sapendo tutte perfettamente che si tratta solo di un gesto simbolico.Quindi, se domattina doveste leggere sui giornali che mi ritiro dal ballottaggio o che regalo i miei voti, non credeteci!”. Per molti è uno scherzo, cosa che effettivamente è, solo che qualcuno cerca di utilizzare la cosa per mostrarsi sdegnato e recitare una parte in Tv. Magalli ha anche detto che se dipendesse da lui voterebbe per Stefano Rodotà, ma ha voluto mantenere la sua candidatura proprio per rispetto di coloro che lo hanno votato, consapevole che ovviamente si tratta di un gesto di protesta da parte degli italiani, una protesta che i politicanti di professione non possono comprendere dal momento che pretendono che la scelta del presidente della Repubblica lasci con il fiato sospeso gli italiani non rendendosi conto che gli italiani ormai ridotti senza lavoro e senza speranza guardano non già con attenzione e tensione all’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, bensì con rabbia e indignazione. Pensano davvero che Amato o Mattarella possa in qualche modo soddisfare i giovani italiani alle prese con una precarietà di Stato e presi quasi per il sedere con provvedimenti quali il Jobs Act e varie amenità? Evidentemente costoro ci credono per davvero, come Edoardo Fanucci che in Tv nel corso della trasmissione “Rullo di Canguri” ha pensato bene di ricordare che “non si può scherzare sull’elezione del presidente della Repubblica”, volendo così chiudere gli occhi di fronte a un sentimento di rabbia crescente nei confronti delle istituzioni. E se prima c’era Grillo con il suo Movimento Cinque Stelle, oggi Magalli non vuole di certo ripercorrere la sua strada, anzi il  conduttore della Rai ha detto di non voler usare il web come ha fatto il comico genovese, semmai di accettare che il web lo usi per qualcosa che tutto sommato, lo stesso Magalli ritiene anche utile. Semmai Fanucci al posto che sorprendersi e indignarsi del fatto che gli italiani scherzino votando Magalli, dovrebbe piuttosto domandarsi perchè gli italiani sono così esasperati da preferire votare un conduttore della Rai piuttosto che i soliti nomi. “Io credo che chi voleva capire ha capito. Non c’è nessun tentativo da parte di nessuno di mettere la mia faccia nella rosa dei candidati al Quirinale. Semmai c’è il tentativo di togliere delle facce che alla gente non piacciono, ha ribadito Magalli. Beninteso, il presidente della Repubblica è una cosa dannatamente seria, eppure in molti sembrano aver preso seriamente la sua candidatura, e anche questo, ahinoi, è uno specchio dei tempi. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top