Mali. Comincia la vera guerra. Ucciso uno dei leader di Al Qaeda | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
lunedì , 21 agosto 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Mali. Comincia la vera guerra. Ucciso uno dei leader di Al Qaeda

Finita la guerra lampo, in Mali sembra cominciare la guerra vera. Le forze militari francesi dispiegate in Mali infatti hanno ucciso uno dei leader di Al Qaeda nel Maghreb Islamico. Intanto anche la Germania ha deciso di inviare aiuti militari nel paese africano. 

mali-colpo-di-stato

Continua in Mali la guerra cominciata oltre un mese fa per sconfiggere le forze degli islamisti radicali presenti nel nord del Paese. Inizialmente le forze armate francesi avevano parlato di guerra-lampo e di vittoria rapida e indolore da parte dell’esercito di Bamako. I jihadisti però si sono allontanati verso nord, disperdendosi in vista della vera guerra, quella che si sta combattendo in questi giorni. Nelle scorse ore comunque, le forze militari francesi hanno  ucciso Abdelhamid Abu Zeid, comandante in campo delle forze di al Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi), gruppo fondamentalista che ha tessuto legami con gli estremisti islamici di Ansar Dine. Lo ha riferito la tv algerina Ennahar, che ha anche precisato che, oltre ad Abu Zeid, sarebbero morti anche altri 40 militanti jihadisti. Parigi non ha ancora commentato nè confermato la notizia, ma diversi testimoni sembrano accreditarne la validità. Intanto anche la Germania ha fatto sapere di voler intervenire nel paese africano. Il Parlamento tedesco infatti, a larga maggioranza, ha deciso di inviare soldati tedeschi a Bamako  nell’ambito della missione internazionale per la sicurezza nel Paese africano. Il gruppo parlamentare della sinistra radicale Die Linke ha votato no alla missione al Bundestag. Berlino potrà comunque mobilitare nella ex colonia francese fino ad un massimo di 330 militari della Bundeswehr con mandato per un anno, rinnovabile. I soldati tedeschi dispiegati non parteciperanno a operazioni militari, almeno in teoria. La situazione in Mali rimane comunque complicata, con una guerra tutti contro tutti che ricorda da vicino l’anarchia afghana degli ultimi anni. Gli estremisti islamici infatti, oltre a prendersela con le truppe francesi e maliane, attaccano anche i tuareg laici dell’MNLA (Movimento Nazionale per la Liberazione dell’Azawad).

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top