Mediterraneo di morte: è strage alle porte dell'EuropaTribuno del Popolo
venerdì , 15 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Mediterraneo di morte: è strage alle porte dell’Europa

Ancora migranti, ancora barconi di disperati che provano a raggiungere l’Europa, e purtroppo ancora morti tragiche che rendono il #Mediterraneo un cimitero a cielo aperto. Solo domenica sarebbero morte 40 persone, forse 50, ma ogni giorno centinaia di disperati si imbarcano per lasciarsi alle spalle l’inferno della Libia. E l’Europa, di fronte alla tragedia, si volta dall’altra parte. 

Ancora tragedie, ancora un Mediterraneo rosso di sangue, ma ormai l’opinione pubblica sembra essere completamente sorda di fronte alle tragedie, come se si trattasse di esseri umani di serie B. A furia di vomitare rancore contro i migranti che verrebbero in Europa per vivere alle nostre spalle, questo secondo alcuni “cattivi maestri” come Salvini, la gente comune ha maturato una sorta di intolleranza istintiva nei confronti dell’altro, dicasi xenofobia appunto, e dicasi anche totale indifferenza nei confronti delle sorti di altri esseri umani. In Libia la situazione umanitaria sembra essere completamente fuori controllo, non solo il Paese è governato dall’anarchia ma ci sono anche migliaia di uomini e donne in fuga dalle guerre e dalla povertà che sono pronti anche a rischiare la vita pur di lasciarsi alle spalle la sofferenza. Non capire questo significa voltarsi dall’altra parte in modo criminale, significa eludere il problema e tentare di raccattare pugni di voti rimestando tra i bassi istinti della folla. Chi vive nella guerra e nella povertà infatti non si fermerà di fronte a nulla e probabilmente prenderebbe il mare anche solo con un canotto, non comprendere questo significa semplicemente non voler risolvere il problema. Chi conduce le guerre in Africa e ingerisce negli affari interni di questi paesi infatti è l’Occidente, lo stesso Occidente che poi fa finta di niente e sbuffa seccato quando si tratta di approntare le giuste soluzioni per accogliere i migranti. I migranti muoiono, basti pensare che secondo alcune stime nel Mediterraneo avrebbero già trovato la morte qualcosa come 55.000 persone in più di dieci anni, un vero e proprio cimitero a cielo aperto di fronte all’indifferenza della gente. E quasi ogni giorno i mercantili portano in salvo decine di persone alla deriva in mare sui gommoni, una tragedia quotidiana che ormai non commuove nemmeno più. Domenica ad esempio si sono contati una cinquantina di morti, l’ennesimo bollettino delle atrocità che si consumano nel Mediterraneo, un bilancio di 1500 morti solo dall’inizio del 2015 ma che non sembra muovere a pietà l’Unione Europea che fa finta di nulla, pensando di lavarsi poi la coscienza con frasi di pietà. Ora il mantra è quello di impedire la partenza dei profughi dall’Africa, peccato che siano state proprio le bombe “democratiche” europee ad annientare la Libia di Gheddafi regalandola alle bande di jiahdisti. E ora si cerca semplicemente di impedire che partano perchè se muoiono in Africa non sono fatti nostri, e saranno tutti contenti.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top