Merkel, perchè ci odi? | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
lunedì , 23 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Merkel, perchè ci odi?

Angela Merkel come Adolf Hitler. Ovviamente è solo una provocazione  del settimanale britannico di sinistra “New Statesman”, ma è solo una delle tante esternazioni contrarie all’eccessivo cinismo e rigore mostrati dalla cancelliera “di ferro”. A questo proposito abbiamo scelto di pubblicare lo sfogo di un ragazzo greco che abbiamo avuto modo di conoscere  sul web commentando le recenti vicissitudini economiche di Atene.

Innanzitutto vorrei cominciare questa lettera presentandomi, mi chiamo A.G., ho 28 anni, e sono nato e vissuto ad Atene, città dove cerco di restare anche oggi, nonostante tutto. Per noi ragazzi greci è davvero dura, so che anche voi in Italia non ve la passate bene ma permettetemi di dirvi che siete molto fortunati. Qui non si stava bene nemmeno prima della crisi, il lavoro è sempre mancato, anche quando ci raccontavano che eravamo uno dei paesi più ricchi del mondo. Poi è successo che il centrodestra di ND ha falsificato i conti per entrare in Europa, io ero solo un ragazzino, mio padre lavorava come guida turistica e guadagnava poco e quasi solo d’estate, mia madre si arrangiava tra supplenze e lavori di sartoria in nero, eppure secondo la Merkel, è colpa nostra. Noi abbiamo sempre pagato le tasse e i miei mi hanno sempre insegnato che fosse giusto farlo, non abbiamo mai fatto una vacanza, e i miei genitori mi hanno fatto studiare, è stato l’unico “lusso” che si sono voluti concedere per loro figlio. Oggi che di anni ne ho 28 sento dire dalla Merkel che è colpa nostra, che dobbiamo rimboccarci le maniche e incolpare solo noi stessi. Noi stessi? Io non ho mai votato ND, non ho mai avuto un lavoro fisso, in compenso ho studiato con profitto senza mai chiedere nulla a nessuno. La Germania forse dovrebbe farsi un esame di coscienza prima di giudicare un popolo, quello greco, che non solo non conosce, ma che non rispetta, dimostrando forse di avere ancora mantenuto quel pregiudizio razziale e quell’arroganza  che hanno  provocato tanto dolore nella Seconda Guerra Mondiale. Ci tratta come numeri la Merkel, come mosche fastidiose da scacciare per lasciar vivere felice l’allegra Germania. Intanto scopro che la maggioranza dei tedeschi vorrebbe la Grecia fuori dall’Europa, e ancora non me ne capacito. Ci spieghino, mi spieghino, io in che modo ho danneggiato la Germania; mi spieghino in che modo con la mia disoccupazione sto meritando la fine che sta facendo il mio Paese, mi spieghino soprattutto che colpa ne hanno i milioni di greci onesti che hanno lavorato in silenzio senza mai avere nulla, e che ora si trovano additati come dei fannulloni che hanno vissuto alle spalle dei tedeschi lavoratori..me lo spieghino, se possono.”

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top