Mirafiori. "This is the end"? | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
giovedì , 25 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Mirafiori. “This is the end”?

La prossima settimana si fermerà a Mirafiori la produzione di Fiat Idea e Musa. Gli operai ricordano con tristezza le vuote promesse di Marchionne, che al momento del referendum di un anno fa aveva parlato di una nuova auto proprio a Torino. E il futuro appare quantomai incerto, con una chiusura dello stabilimento sullo sfondo.

“Stiamo facendo le ultime scocche per poi fare le chilometro zero. Il 26 (luglio)c’  è l’ultima Idea Musa che esce, una vettura che occupa oltre 2500 lavoratori, e da settembre si lavorerà solo sulla Mito con cui si lavorerà in 1000-1500 persone”, queste le parole affrante di Pasquale Loiacono, sindacalista Fiom allo stabilimento di Mirafiori di Torino. E’ chiaro che con questi numeri non sarà possibile aprire un nuovo stabilimento, con buonapace degli operai. “La Mito è una cosa di nicchia e noi abbiamo paura che solo per la Mito non apriranno lo stabilimento”, ha detto alle telecamere de “Il Fatto Quotidiano” una operaia che ha aggiunto: “Io penso che qua bisogna dare una svolta, fare una rivolta, gli operai devono tirare su la testa e fare qualcosa. Ma qui vige anche la paura perchè tutti i lavoratori che lavorano tre o quattro giorni al mese alla fine hanno anche paura a reagire perchè poi magari non li chiamano a lavorare. Ora c’è anche la paura che da settembre  la Mito verrà spostata a Melfi o da qualche altra parte. Faranno come hanno fatto a Termini Imerese, un bel giorno arriviamo qua e troveremo tutto chiuso”, ha concluso amara. La paura di tutti è che lo stabilimento “di troppo” sia proprio Mirafiori, e che per questo a breve possa essere chiuso. Intanto a un anno e mezzo dal referendum, continua a non vedersi nulla delle promesse di Marchionne, e i cassaintegrati ormai si dicono certi che il lavoro non riprenderà mai. Nessuno vede buone prospettive per lo stabilimento, e tutti sono ormai tristi e amareggiati per le vuote parole di Marchionne, che aveva esplicitamente parlato di una nuova auto da produrre nel capoluogo torinese. Intanto però la Fiat ha annunciato l’intenzione di chiudere uno degli stabilimenti italiani, e gli operai torinesi sono pronti a giurarci, pensano che sarà proprio Mirafiori. Insomma, nel giro di poche settimane un altro pezzo di storia italiana potrebbe finire per sempre, un chiaro segno della crisi economica che ha investito il nostro Paese, e soprattutto un chiaro segno delle intenzioni di Sergio Marchionne.

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top