Monte dei Paschi, nazionalizzazioni e "socialismo per ricchi"Tribuno del Popolo
venerdì , 28 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Monte dei Paschi, nazionalizzazioni e “socialismo per ricchi”

Secondo diverse fonti se non dovessero arrivare 1,2 miliardi di euro da soci privati non ci sarebbe altra via che la nazionalizzazione di MPS. E’ il “socialismo per ricchi” di cui aveva parlato George Soros.

Quando il crack di Lehmann Brothers cominciò ufficialmente la crisi del capitalismo che si sta protraendo fino a oggi, George Soros commentò la risposta dell’Occidente alla crisi come “socialismo per ricchi”. E già perchè un conto è nazionalizzare le banche in modo da metterle a servizio dello Stato e dei cittadini, un conto è nazionalizzarle per nazionalizzare le perdite e privatizzare, ovviamente, i guadagni. “Socialismo” per ricchi appunto, una strategia che viene ancora attuata dalla Federal Reserve americana e da altre banche centrali e che prevedeva una montagna di soldi pubblici da gettare nei mercati anche a costo di distruggere i bilanci nazionali, cosa poi effettivamente e puntualmente verificatasi. Chi ha goduto di questo gettito di denaro pubblico, il nostro denaro, sono stati i banchieri, e non quelli poco importanti, bensì quelli più ricchi, potenti e indebitati. L’Ue ha provato almeno sulla carta a seguire una strada diversa, quella dell’austerity imposta dalla Germania. Beninteso, anche in Europa abbiamo assistito ad aiuti di massa a banche e assicurazioni private, soprattutto in Germania, Francia e Inghilterra. Solo che queste manovre non sono servite assolutamente per fermare la crisi economica che anzi, si è sviluppata ulteriormente. E in Italia? In Italia c’è la Monte dei Paschi che ora rischia seriamente di fallire nonostante Alessandro Profumo sia stato messo al posto di Giuseppe Mussari, e anche per questo l’Ue ammette il salvataggio con soldi pubblici. Senza nuovi soci privati che immettano 1,2 miliardi di euro nella banca entro un anno infatti, la MPS potrebbe essere nazionalizzata. Anche questo permette di capire quali sono le forze che ricattano i singoli paesi, sempre più avvinti nelle catene invisibili dei capitali e delle banche.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

2 commenti

  1. ma 12 miliardi nn sono troppi!?…mi sa che la cifra nn corrisponde al vero…leggevo di 1 al massimo 2 miliardi ….nn 12

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top