Montenegro. A migliaia in piazza contro la NatoTribuno del Popolo
domenica , 26 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Montenegro. A migliaia in piazza contro la Nato

Pochi giorni dopo l’annuncio dell’invito al Montenegro a unirsi alla Nato, migliaia di persone sono scese in piazza nel paese per protestare contro la decisione, ricordando le sofferenze patite dalla Jugoslavia durante l’ultima guerra proprio con la Nato del 1999. 

Non appena la decisione di invitare il Montenegro nella Nato è diventata di pubblico dominio la notizia ha sin da subito occupato le prime pagine dei giornali e non sarebbe potuto essere diversamente dal momento che Mosca è andata su tutte le furie minacciando ritorsioni. L’ex presidente del Montenegro, Momir Bulatovic, e i capi dell’opposizione, hanno organizzato la manifestazione per sabato a Podgorica, capitale del Paese, e hanno raccolto almeno 5000 persone subito fuori dal Parlamento, come riportato da fonti locali come il giornale Vijesti. I manifestanti portavano tutti bandiere nazionali e hanno intonato cori pro russi, mostrando quindi come il paese sia nettamente diviso al suo interno.

Bulatovic era il primo ministro della Repubblica Federale della Jugoslavia dal 1998 al 2000 e durante la manifestazione ha ricordato che unirsi alla Nato significherebbe un “bagno di sangue di gente innocenti nelle nostre mani”, ricordando come il suo paese sia stato in guerra con la Nato solo pochi anni fa. Ha anche aggiunto che l’invito della Nato al Montenegro suona in modo strano dal momento che proprio la Nato nel 1999 invase la Jugoslavia e le sue bombe colpirono anche il Montenegro. Al quotidiano russo Sputink Bulatovic ha anche dichiarato che alla luce di questo sarebbe impossibile cancellare quanto successo e che la Nato è solo alla ricerca di nuovi soldati da inviare contro la Russia. I manifestanti hanno anche mostrato le foto di sei civili che erano stati massacrati da un raid della Nato nel villaggio di Murino nel maggio del 1999. Si trattava di un villaggio assolutamente privo di qualsivoglia significato militare e che, al momento della tragedia, non ospitava truppe.

Al Montenegro è stata offerto di unirsi all’alleanza della Nato nel corso del summit dell’alleanza del 2 dicembre. L’idea è piaciuta molto all’attuale presidente filo-occidentale Milo Djukanovic, che ovviamente ha cercato di portarla avanti. Il Montenegro peraltro fino al 2006 faceva parte della Serbia e oggi secondo un sondaggio realizzato dal Center for Democracy and Human Rights circa il 37% dei montenegrini si opporrebbe con forza alla membership con la Nato contro il 36% che sarebbe favorevole. Quando manifestanti andarono in piazza a Kiev per contestare la decisione di Yanukovich di allontanarsi dall’Ue i media diedero ovviamente ampio spazio alle proteste, mentre oggi che a Podgorica è accaduto esattamente il contrario sembra che interessi meno.

Fonte: rt

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top