Mujica in visita da Obama si offre di ospitare i prigionieri di GuantanamoTribuno del Popolo
venerdì , 21 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Mujica in visita da Obama si offre di ospitare i prigionieri di Guantanamo

Barack Obama ha ricevuto alla Casa Bianca il presidente dell’Uruguay Josè Mujica. I due hanno parlato di vari temi tra cui anche della possibilità che alcuni detenuti di Guantanamo vengano trasferiti in Uruguay. 

Obama ha ricevuto il presidente più di moda del momento alla Casa Bianca. Stiamo parlando di Josè Mujica, ex Tupamaro, presidente dell’Uruguay che ha guadagnato le prime pagine di tutto il mondo grazie alla sua vita povera e austera e alle sue misure progressiste nel campo dei diritti omosessuali e dell’antiproibizionismo. Nel corso dell’incontro i due presidenti hanno parlato diffusamente delle condizioni dei prigionieri nel carcere di Guantanamo. Si è trattato del primo incontro formale, durato circa un’ora, e secondo la stampa i due non avrebbero detto nemmeno una parola riguardo alla recente legalizzazione della marijuana a Montevideo. I due però hanno parlato dell’eventualità di siglare un accordo che permetterebbe a sei prigionieri di trasferirsi in Uruguay. Non solo, Mujica avrebbe parlato con Obama della situazione dei tre agenti cubani ancora detenuti nei carceri americani, arrestati perchè inviati in America per combattere il terrorismo organizzato dai gruppi radicali e anticastristi di Miami. Mujica ha quindi fatto aperto riferimento ai “Cinque”, ovvero gli agenti cubani inviati da L’Avana a Miami per informare il governo cubano delle azioni terroriste contro il territorio dell’isola. Secondo informazioni diffuse dalla stampa, Washington avrebbe chiesto per accettare la proposta una garanzia che i prigionieri di Guantanamo rimarranno almeno due anni nelle frontiere del paese sudamericane, mentre Mujica vorrebbe che i prigionieri trasferiti in Uruguay potessero vivere da persone libere. Obama aveva in passato promesso di chiudere il carcere di Guantànamo, ma finora le sue promesse sono rimaste lettera morta. Nell’incontro Mujica avrebbe anche affrontato il tema delle multinazionali del tabacco e la Casa Bianca ha emesso un comunicato nel quale ha fatto i complimenti a Mujica per i progressi fatti nel campo dei diritti umani.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top