Muos. La Sicilia dice no e si mobilita a NiscemiTribuno del Popolo
martedì , 30 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Muos. La Sicilia dice no e si mobilita a Niscemi

Dopo un pacifico corteo di 4 chilometri i manifestanti No-Muos ieri pomeriggio sono giunti di fronte alla base militare americana e sono venuti a contatto con le autorità. Nei tafferugli un finanziere sarebbe rimasto ferito.

La Sicilia si mobilita per dire no a un progetto, quello del Muos, che viene percepito come un corpo estraneo all’interno del territorio. Il Muos però si deve fare, su questo gli americani sono stati inflessibili, ed ecco quindi i manifestanti che hanno deciso di sfilare per protestare contro quella che viene giustamente percepita come una vera e propria oppressione. Ieri si sono radunati a centinaia a Niscemi per manifestare contro il Muos, dando avvio a un vivace e pacifico corteo di 4 chilometri, che doveva terminare proprio di fronte alla recinzione della base militare Usa di Niscemi. Una volta giunti di fronte alla recinzione, alcuni dimostranti sono venuti a contatto con le autorità schierate a difesa della base, e nei tafferugli che ne sono conseguiti un militare della Guardia di Finanza sarebbe rimasto ferito a una gamba. Nel frattempo decine di manifestanti hanno divento la recinzione penetrando all’interno della base americana dove da ieri sera circa dieci attivisti si sono arrampicati sui tralicci. Fino a quel momento la manifestazione era stata pacifica, con i manifestanti che hanno urlato slogan contro gli Stati Uniti e contro il governatore siciliano Rosario Crocetta, accusato di aver fatto un passo indietro dopo aver finto di volersi spendere per impedire la costruzione del Muos. Proprio Crocetta infatti qualche mese fa aveva sfidato gli Stati Uniti ritirando l’autorizzazione ai lavori per il completamento del sistema satellitare voluto dalla Marina militare statunitense. Il permesso era stato concesso nel giugno 2011 dal suo predecessore Raffaele Lombardo, nonostante contrada Ulmo faccia parte della riserva naturale “Sughereta”. Crocetta ha poi ritirato l’esposto per non rischiare una multa di 25.000 euro per ogni giorno di stop del cantiere. Chiaramente i manifestanti No Muos non hanno perdonato questo voltafaccia di Crocetta.  Alla manifestazione oltre a esponenti di diversi partiti di sinistra come Rifondazione e Pdci,  hanno partecipato i sindaci di Niscemi, Pozzallo, Caltagiorne, Acate, Piazza Armerina.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top