Non tutti i "Renzi" vengono per nuocereTribuno del Popolo
giovedì , 27 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Non tutti i “Renzi” vengono per nuocere

La probabile vittoria di Matteo Renzi come leader del centrosinistra preoccupa molti. Ma se fosse l’inizio della rinascita?

Matteo Renzi di qua, Matteo Renzi di là, persino D’Alema sembra essersi accorto della pericolosità, per la sinistra, di Matteo Renzi. Meglio tardi che mai, verrebbe da dire, e forse infatti è proprio così, anche un male assoluto come la vittoria di Renzi potrebbe, alla fine, risultare positiva ai fini della rinascita della sinistra. Renzi, semplicemente, ucciderebbe l’idea stessa di un partito di sinistra in Italia, e lo farebbe in modo chiaro, palese, operando così una mutazione genetica in atto ormai da anni. Con l’omicidio del passato, il disconoscimento del retaggio culturale della sinistra, e con il nuovismo privo di valori e ideologie, Renzi pensa di formare il nuovo riferimento progressista per il Paese, e forse, a ben guardare, ce la farà, almeno nell’immediato. A ben guardare però non tutti i mali potrebbero venire per nuocere dal momento che la vittoria di Renzi aprirebbe finalmente spazi sterminati a sinistra. Abdicando dal suo ruolo culturale, sociale e anche solo propositivo, la sinistra alla Renzi si svuota di ogni connotazione di alternativa rispetto al capitalismo, accettando nei fatti in modo totale di combattere all’interno degli steccati offerti dallo stesso sistema che invece si vorrebbe modificare. Anzi, Renzi con la sua arroganza e la sua completa assenza di ideologie, per certi versi rischia di essere ancora peggio, completando così quel fenomeno di americanizzazione della società anche dal punto di vista prettamente politico. Renzi però per il ruolo che è chiamato a svolgere è perfetto, quasi troppo perfetto, e la sua perfezione rischia di rompere le uova nel paniere dal momento che non saranno pochi coloro che, ritenendosi di sinistra, non potranno che separarsi dal percorso politico e umano del sindaco di Firenze. E con un malcontento che cresce nel Paese, appare chiaro che il futuro Pd di Renzi diventerà un’altra cosa anche rispetto al Pd di Bersani, e sarà inevitabile dato che Renzi verrà votato anche e soprattutto da elettori di centrodestra delusi. Non è casuale che proprio Silvio Berlusconi, in tempi non sospetti, aveva dichiarato di non vedere così male un Pd a guida Renzi, chissa perchè..

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/liquene/3234459922/”>liquene</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top