Nord Corea. Tutti col taglio di Kim Jong-Un? E' una bufalaTribuno del Popolo
sabato , 27 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Nord Corea. Tutti col taglio di Kim Jong-Un? E’ una bufala

Ricordate la balla spaziale su Kim Jong-Un che aveva fatto sbranare lo zio da una muta di cani? Oppure quella che accusava il premier nordcoreano di aver fatto uccidere la sua ex? Ora circola sul web una nuova balla, che Kim Jong-Un ha costretto tutti i cittadini della Nord Corea a portare il suo taglio, e ovviamente tutti l’hanno data per vera senza controllare le fonti.

Quando si parla di Nord Corea è molto difficile riuscire a essere oggettivi in quanto su Pyongyang vengono diffuse le voci più assurde, tutte ovviamente prese per vere da un opinione pubblica ormai intorpidita e in balìa del mainstream. Ricordate quando tutti i quotidiani accusavano Kim Jong-Un di aver fatto sbranare suo zio dai cani? La notizia era stata presa da su sito satirico cinese, e nessuno ovviamente si prese la briga di controllare le fonti, dando così in pasto la notizia per vera al mondo. Peccato che poi la notizia sia stata prontamente smentita, ma nessuno ha chiesto scusa ai lettori. Era lo stesso film visto qualche mese prima, quando tutti i tg e i giornali occidentali accusavano Kim Jong-Un di aver fatto uccidere la sua ex fidanzata. Grande sconcerto, grande indignazione sui social network, e poi ecco comparire l’ex fiamma del premier nordcoreano nientemeno che in diretta tv, viva e vegeta.

Ora ecco confezionata la nuova balla spaziale sulla Nord Corea, questa volta Kim Jong-Un è stato accusato nientemeno di aver obbligato tutti i cittadini della Nord Corea ad adottare la sua pettinatura. Peccato che i recenti visitatori occidentali del Paese non abbiano visso nessuna traccia di questa balla clamorosa che voleva far credere che Kim Jong-Un avesse obbligato tutti i cittadini maschi e gli universitari ad adottare il suo stesso taglio di capelli. La fonte di questa bislacca notizia? La Radio Free Asia situata in quel di Washington, che però è stata subito smentita da Simon Cockerell della Koryo Tours, che è stato a Pyongyang solo pochi giorni fa e ha decisamente smentito la notizia sull’Huffington Post. Anche un giornalista della Associated Press ha confermato che a Pyongyang non vi è alcuna traccia delle pettinature coatte. Sempre l’Huffington Post inoltre ricorda che davanti ai parrucchieri nordcoreani vi sono spesso poster che ritraggono i tagli suggeriti per le donne alla moda, peccato che i media stranieri parlino invece dell’unico taglio femminile consentito, alimentando quindi altre bugie. Certo, la Nord Corea non sarà sicuramente un esempio di democrazia e libertà, ma non è nemmeno quell’inferno grottesco che ci viene dato in pasto dai media. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top