Obama visita il Laos, promette aiuti ma non si scusaTribuno del Popolo
giovedì , 19 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Obama visita il Laos, promette aiuti ma non si scusa

Obama ha visitato il Laos ed è stato il primo presidente Usa a visitare il Paese decenni dopo la terrificante guerra mossa dagli Usa e che ha reso il Laos uno dei paesi più bombardati al mondo. Ha promesso aiuti per le bombe inesplose ma le scuse? Nemmeno l’ombra…

Obama era recentemente stato in Giappone dove aveva commemorato le vittime delle bombe atomiche senza però chiedere minimamente scusa al popolo giapponese. Oggi Obama ha fatto “doppietta” visitando il Laos e ovviamente non offrendo alcuna scusa per le centinaia di migliaia di vittime causate dai bombardamenti a tappeto a stelle e strisce in nome della guerra al comunismo. E dire che tra il 1964 e il 1973 il Laos divenne il paese più bombardato al mondo a causa della guerra segreta scatenata dagli Usa contro il paese asiatico per tagliare i rifornimenti ai Vietcong. In nome di questa sporca guerra gli Usa disseminarono qualcosa come milioni di bombe a grappolo sul Laos, uccidendo migliaia di persone e lasciando migliaia di bombe inesplose che continuano ancora oggi a uccidere vittime innocenti, semplici bambini e contadini, il tutto nella totale indifferenza della comunità internazionale. Obama ha ammesso l’esistenza di una guerra segreta ma non ha offerto alcuna scusa per l’azione di Washington, esattamente come non si scusò in Vietnam e appunto in Giappone, ammettendo quindi che dopotutto fosse stato giusto. Obama ha poi promesso 90 milioni di dollari nei prossimi tre anni per neutralizzare le bombe inesplose, confermandone quindi ancora una volta l’esistenza. Secondo molti Obama starebbe comunque effettuando un tour di visite in Asia per difendere gli interessi americani nel Pacifico e limitare in qualche modo gli interessi cinesi.

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top