Occupato studentato inutilizzatoTribuno del Popolo
venerdì , 20 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Occupato studentato inutilizzato

Questa mattina, studenti e studentesse dell’università la Sapienza hanno occupato un’ala inutilizzata dello studentato di via Cesare De Lollis. Pubblichiamo di seguito il comunicato.

Fonte: Oltremedianews

Questa mattina, alle ore 11:00, èstata aperta, in Via Cesare De Lollis 20, l’ala nuova della residenza A. Ruberti.110 posti della suddetta ala dovevano essere assegnati agli aventi diritto entro il primo trimestre del 2013. In luogo della mancata esecuzione del bando Laziodisu, studentesse e studenti, trovandosi in condizioni di indigenza hanno maturato la decisione di riappropriarsi dei loro diritti a partire da quei posti alloggio chiusi, non sfruttati e promessi ormai da tempo.
In base ai dati raccolti sulla situazione del diritto allo studio nella Regione Lazio è emerso che ad oggi ancora 906 studenti meritevoli e privi di mezzi si trovano nell’impossibilità di accedere ai benefici costituzionalmente previsti per sostenere il proprio percorso di studi. In particolar modo nel Lazio, regione che conta decine di migliaia di iscritti alle università e che ospita l’ateneo più popoloso di Europa, si assiste allo smantellamento del sistema del welfare studentesco; dalla costruzione di residenza universitarie in zone distanti dagli atenei di appartenenza (con il conseguente problema della mobilità), ai ritardi sui pagamenti delle borse di studio fino alla beffa dell’affitto ai privati di alloggi pubblici destinati agli aventi diritto.
554 sono i posti alloggio negati e che la Regione può immediatamente mettere a disposizione degli studenti e che provengono dalle residenze:-N. Federici, residenza sparita dal bando che conta 88 posti;-Boccone del Povero 73 posti e Civis222 inspiegabilmente non ristrutturate a causa della mancataerogazione dei fondi della legge L. 338/2000;

-E. Trantelli e A. Ruberti che contanorispettivamente 61 posti 110 posti messi al bando e non assegnati.

Nonostante le promesse fatte nell’annoprecedente in relazione all’aumento dei benefici per il diritto allostudio da parte della giunta Zingaretti, è evidentementeinsufficiente ed iniqua la presenza e l’erogazione di questi servizied emerge il persistere di un atteggiamento aziendalista invece chemutualista da parte della Regione e dell’Agenzia Lazidisu nell’ambitodel diritto allo studio.

“Riteniamo indegna questasituazione”, dichiara Valerio idoneo non vincitore, “èimpensabile che uno studente privo di mezzi e meritevole si ritrovi anon poter programmare il proprio futuro e a vedersi togliere undiritto essenziale come quello dello studio”.

“Come prevedevamo, il debito della Regione nei confronti di Laziodisu ha ormai portato al permanere della sperequazione del diritto allo studio”, afferma Grazia e continua: “Non abbiamo intenzione di fermarci, vogliamo che sia rimesso al centro del dibattito pubblico il tema mobilità sociale e ci impegneremo a protestare contro questa situazione con tutte le nostre forze”.

Gli studenti resteranno nell’ala fino a quando la Regione non prenderà atto e darà risoluzioni concrete alla grave emergenza abitativa che gli studenti di questa città vive ormai da anni.

I ragazzi hanno convocato per questasera alle 18.30 un’assemblea pubblica invitando tutti gli studenti idonei e non a partecipare.

 Redazione

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top