Olanda. Avanti gli europeisti, giù l'estrema destra | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 9 dicembre 2016
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Olanda. Avanti gli europeisti, giù l’estrema destra

Vittoria elettorale in Olanda per conservatori e laburisti. Male invece l’estrema destra. Svolta europeista in arrivo.

Alla fine i conservatori e i laburisti, lo schieramento europeista, ha vinto. Si affermano dunque in Olanda i partiti favorevoli all’integrazione europea, e la marea montante dell’estrema destra xenofoba viene fermata. Il partito liberal-conservatore del premier uscente Mark Rutte ottiene 41 seggi e ne conquista 10 di più di quelli attualmente occupati, mentre il movimento politico guidato da Diederik Samsom ne occuperà 39 e ne aveva 30. I due partiti potranno quindi avviare un governo europeista, con buonapace dell’ultradestra euroscettica di Geert Wilders del Pvv, che è scesa da 24 seggi a 15. I partiti in lizza erano 21, e il sistema adottato il proporzionale puro con un unico collegio nazionale. I conservatori del Vvd si dicono contrari ad aiutare la Grecia e sono i principali fan dell’austerity, invece i il Pvda di Samsom è si filoeuropeo, ma chiede di dilazionare un pò i tempi del risanamento del bilancio e chiede di dare più tempo alla Grecia e agli altri Paesi in difficoltà nell’eurozona. Sono stati 13 milioni gli olandesi chiamati alle urne, elezioni anticipate che sono state seguite con molta attenzione in tutta Europa. Si temeva un possibile exploit dell’estrema destra, ma i risultati delle urne hanno chiuso questa eventualità, ricacciando indietro l’euroscetticismo. Ora laburisti e conservatori dovranno giocoforza allearsi, e a loro potrebbe unirsi il  partito democratico centrista D66 di Alexander Pechtold.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Nessun commento

  1. Ma infatti il problema é proprio questo +euro (€uropeisti) -euro (non €uropeisti) bisogna calmierare i prezzi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top