Onu contro Israele dopo ennesima strage in una scuola delle Nazioni UniteTribuno del Popolo
giovedì , 21 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Onu contro Israele dopo ennesima strage in una scuola delle Nazioni Unite

Durissima presa di posizione dell’Onu nei confronti di Israele dopo l’ennesima strage avvenuta a Gaza. I missili israeliani hanno colpito ieri di nuovo una scuola delle Nazioni Unite usata come rifugio dai palestinesi, e i morti tra i civili hanno raggiunto quota 1830. 

Israele continua la sua operazione militare senza fermarsi di fronte a nulla, nemmeno di fronte a ospedali, mercati e suole delle Nazioni Unite. Sono migliaia i palestinesi che hanno perso la casa per colpa dei bombardamenti e non sanno dove rifugiarsi per mettersi in salvo dagli spietati bombardamenti israeliani. Anche per questo molti di loro avevano trovato rifugio nelle scuole di Gaza, in particolare in quelle delle Nazioni Unite, ma nemmeno qui hanno trovato un posto al sicuro dalla guerra e dalla morte. Ieri infatti le bombe di Tel Aviv hanno colpito ancora una volta una scuola delle Nazioni Unite scatenando questa volta la reazione dell’Onu, ma Israele non ha terminato le operazioni e ha effettuato raid sulla Striscia anche nella notte uccidendo almeno dieci persone. L’Onu invece ha voluto dire la sua in merito alla scuola di Rafah distrutta da Israele nella quale sono morti maestri e studenti innocenti: Non ci sono prove che ci fossero dei militanti all’interno della scuola, non ci sono prove che militanti lanciassero razzi dall’interno della scuola” dice Chris Gunness, portavoce dell’Unrwa. “In base al diritto internazionale bisogna distinguere tra combattenti e civili. Va adottato un criterio di proporzione. È lecito rischiare di uccidere dei civili?”. Domanda che resterà senza risposta dal momento che Netanyahu ha fatto sapere di voler continuare a bombardare fin quando non verranno distrutti tutti i tunnel dei palestinesi, il che tradotto significa nuova morte tra i palestinesi che ora non sanno più dove rifugiarsi dal momento che nemmeno le scuole con la bandiera delle Nazioni Unite rappresenta un luogo sicuro. Dall’inizio dell’offensiva israeliana, 4 settimane fa, sono almeno 1.830 le vittime palestinesi; 64 i soldati israeliani uccisi nel conflitto.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top