Pd: Casini o Vendola? ma intanto la sinistra si rafforza | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 24 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Pd: Casini o Vendola? ma intanto la sinistra si rafforza

Dopo le ultime dichiarazioni di Renzi che ha dichiarato che in caso di sua vittoria non vorrà allearsi nè con Casini nè con Vendola, vediamo quali sono le prospettive in vista delle politiche. E intanto l’”ala sinistra” capeggiata da Vendola trova l’appoggio dei comunisti.

Non mi interessano ne’ Casini, ne’ Vendola, basta accordi di potere“.Ed ancora: “Il Pd di Renzi puo’ correre e vincere da solo. Senza i partiti, con gli italiani. Io mi presento con le mie idee, con i miei progetti“.Matteo Renzi ha dichiarato questi concetti nel corso di un’intervista ad Avvenire, e ha  annunciato che se vincesse le primarie rinuncerebbe a qualsiasi alleanza e proverebbe a diventare premier senza allenze. Insomma una sorta di Renzi appiattito sulle posizioni di Veltroni, lo stesso che nel 2008 fu responsabile della scelta dell “autonomia del Pd” e della distruzione della sinistra italiana. Non resta quindi che sperare che Renzi non vinca in quanto, nel caso invece dovesse vincere, si taglierebbe la testa al toro, e non ci sarebbe nessun alleanza parlamentare. Diverso il discorso nel caso dovesse vincere Pier Luigi Bersani, in quel caso il Pd sarà chiamato a scegliere tra l’abbraccio mortale con Casini e l’Udc e quello con Niki Vendola e le forze di sinistra. Inutile dire che scegliere l’opzione Casini sarebbe un errore inqualificabile, per questo la speranza è che il governatore pugliese riesca a conseguire un risultato importante alle primarie, sbilanciando il Pd a sinistra. A questo proposito Oliviero Diliberto, segretario dei Comunisti Italiani, ha indicato la via: andare con il Pd e appoggiare alle primarie Vendola. Questo significherà spaccare la Fds dato che il Prc di Ferrero vuole andare contro tutto e tutti alle elezioni, ma questo significherà anche un rafforzamento di Vendola e quindi un maggior peso specifico a sinistra. La speranza insomma è quella di convincere Bersani a guardare a sinistra, lasciando magari Casini trovare un’intesa naturale con Alfano e il centrodestra privo di Berlusconi. L’alternativa è la morte della “sinistra”, e la vittoria di un Pd ancora più di destra, se ancora ce ne fosse il bisogno…

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top