Per tutti quelli che hanno boicottato Euro 2012: le foto dei cani erano false o manipolate | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
giovedì , 23 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Per tutti quelli che hanno boicottato Euro 2012: le foto dei cani erano false o manipolate

Foto false o manipolate, alcune scattate in Cina o in America, alcune vecchie di anni, riciclate dagli animalisti per le loro campagne sui cani dell’Ucraina.

Questi ultimi Europei di calcio verrano ricordati, oltre che per la vittoria della Spagna contro la nostra nazionale, anche per l’eco che i media hanno dato al presunto massacro dei cani randagi in Ucraina. E se invece fosse tutto falso?La denuncia, prove alla mano (anzi, al pc), viene dal blog “trafficidianimali.blogspot.it”, dove l’autore che ha pazientemente ricostruito la reale provenienza di molte immagini e la non veridicità di numerose notizie, si chiede: “Ucraina, sterminio o manipolazione della realtà?”Anche i manifesti della LeIDA di Michela Vittoria Brambilla, intitolati “Non giocare sporco. Stop alla strage dei randagi in Ucraina”, usano foto tratte da articoli cinesi del 2006 e 2007.Ma non è tutto. L’autore del blog nota anche, e fa notare, come tale materiale venga usato per incitare sentimenti di odio e razzismo verso il popolo ucraino. Come tante campagne animaliste nascondano interessi economici, tanto da chiedersi: “animalismo o mafia?”.”Non è una sorpresa – commenta il Segretario Generale di FederFauna Massimiliano Filippi – l’incitamento da parte degli animalisti all’odio e al razzismo contro gli allevatori, i commercianti di animali o i circhi a noi è ben noto, così come il loro frequente ricorso ad informazioni false o faziose o a foto e video artefatti per condizionare e forzare l’opinione o i comportamenti delle persone. Purtroppo tali fenomeni sono un po’ meno noti alla gente che non opera nel settore e che viene continuamente bombardata da quel tipo di informazione. Molti non si rendono conto che spesso è proprio chi accusa gli altri di sfruttare gli animali il loro peggiore sfruttatore ed altri magari, in perfetta buona fede, finiscono essi stessi per essere sfruttati”.

Tratto da www.articolotre.com

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top