Pescara. Perde il lavoro e sale sul traliccio | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
giovedì , 23 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Pescara. Perde il lavoro e sale sul traliccio

Un disoccupato pescarese di 57 anni è salito per protesta su un traliccio della pubblica amministrazione. L’ennesima storia di un’Italia disperata che fa sempre più fatica ad arrivare alla fine del mese.

 

Ecco l’ennesima storia di disperazione proveniente dall’Italia della crisi. Stiamo parlando di Remo Di Michele, un disoccupato 57enne di Pescara che ha deciso, di salire per protesta su un traliccio della pubblica amministrazione. Senza lavoro, il disoccupato pescarese ha deciso questo gesto estremo per manifestare il proprio disagio. Per i media si tratta dell’ennesimo gesto di un uomo disperato, senza volto, uno come tanti. Per noi invece quello di Remo è un dramma, un dramma che coinvolge un’intero nucleo familiare, abbandonato dalle istituzioni e da legami sociali ormai saltati con la crisi. Sul posto sono immediatamente sopraggiunti una squadra di vigili del Fuoco con telo di salvataggio gonfiabile e autoscala. Nonostante si trovi ad un’altezza di dieci metri dal suolo, l’uomo non ha minacciato di gettarsi nel vuoto ma ha chiesto di essere aiutato perche’ con famiglia a carico, privo di casa e lavoro. Senza alcun esito, finora, i tentativi di farlo scendere fatti dalla figlia e dai funzionari della Questura. I padri di famiglia come Remo in tutta Italia sono ormai migliaia, volti senza nome dimenticati dal Governo che deve pensare a far quadrare i conti, non certo alla vita dei cittadini.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top