Piano europeo antifrodeTribuno del Popolo
giovedì , 14 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Piano europeo antifrode

Accordo antifrode tra i Paesi d’Europa per controllare i conti correnti e garantire la trasparenza digestione dei soldi da parte delle banche.

Photo Credit

I ministri economici dell’UE hanno presentato alla Commissione europea un mandato per un accordo fiscale tra i Paesi membri e non. Secondo questo mandato, tutte le informazioni sui conti correnti verranno scambiate e rese note per ridurre la possibilità di evasione fiscale. Austria e Lussemburgo, addirittura, hanno chiesto l’esecuzione di questa iniziativa come essenziale condizione per firmare l’accordo e aderire pienamente al progetto dell’Europa di eliminare il segreto bancario. C’è però l’esitazione della Svizzera, per ragioni politiche, e questo rischia di far tardare l’intesa al punto da farlo poi fallire. Esprime il suo rammarico il responsabile UE per la fiscalità, Algirdas Semeta “Sono molto deluso di vedere che l’accordo sulla direttiva risparmio è bloccato”. Perché ha parlato di risparmio? Perché con questa operazione anti-evasione si risparmierebbero circa 2,5 milioni di euro; una buona parte dei soldi che girano in nero e che non sono stati dichiarati dalle banche verranno recuperati. In questi giorni i leader europei stanno lavorando per raggiungere questi obiettivi: controllo pieno del Fisco, abbattimento dell’evasione fiscale, miglioramento dell’assistenza amministrativa e giudiziaria. Al progetto hanno già aderito 16 Paesi e il nostro ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, ha fatto rientrare anche l’Italia tra questi, ribadendo che tale iniziativa “E’ la base di una strategia europea”.

Glenda Silvestri

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top