Piombino. Il 1 maggio sarà amaroTribuno del Popolo
giovedì , 19 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Piombino. Il 1 maggio sarà amaro

Piombino. Il 1 maggio sarà amaro

Chiude l’altoforno della Lucchini a Piombino. Dramma sociale nella città toscana che cerca di stringersi intorno all’acciaieria storica. Per Piombino e sarà un #1maggio dal sapore amaro.

L’acciaieria Lucchini di Piombino non era come le altre, era un luogo storico di lavoro e socialità che ha segnato un solco profondo nelle genti e nel luogo. A partire da questa mattina l’altoforno della Lucchini verrà gradualmente spento, così come si stanno spegnendo le speranze dei lavoratori. Nella giornata di ieri è stata molta la tensione e la passione dei cittadini riguardo alla vicenda, con l’hashtag lanciato su Twitter di #piombinonondevechiudere. Persino il Papa Francesco è intervenuto pubblicamente a favore dell’acciaieria. Nel corso di una udienza generale in piazza San Pietro, il papa ha risposto al videomessaggio inviato nei giorni scorsi dagli operai e ha chiesto uno sforzo di generosità per la Lucchini. Almeno a parole in molti sembrano solidarizzare con Piombino e con la Lucchini, da Renzi fino a Beppe Grillo, la speranza è che realmente verrà fatto qualcosa per gli operai e per le loro famiglie. Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha detto di essere contento del punto dell’arrivo del Governo, ovvero di un investimento di 200 milioni e di un piano che potrebbe ricostruire un futuro. Intanto ieri pomeriggio la fabbrica toscana si è fermata per un’ultima assemblea pubblica prima della chiusura. A questa assemblea hanno partecipato il sindaco Gianni Anselmi, ma anche tutti i primi cittadini della zona. Il sindacato in questo senso ha ribadito la contrarietà alla chiusura dell’impianto, ma anche sottolineato l’esigenza di gestire l’emergenza sociale che esploderà subito dopo lo stop dell’area a caldo. Nel pomeriggio, dopo il vertice nella sede della Regione sulla bozza d’accordo di programma, i dipendenti della Lucchini terranno un’ulteriore assemblea con sciopero per esaminarne i contenuti. La speranza è che in qualche modo si possa trovare una soluzione in grado di garantire un futuro sia per le persone che per il territorio.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top