Più di 38000 i foreign fighters in Siria dal 2012Tribuno del Popolo
domenica , 26 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Più di 38000 i foreign fighters in Siria dal 2012

James Clapper, direttore della National Intelligence degli Stati Uniti, ha detto che dal 2012 sono almeno 38.000 i foreign fighters giunti in Siria per combattere contro Assad. Dunque questo conferma la teoria che la guerra in Siria non sia in realtà una guerra civile, o meglio non solo, dato che migliaia di combattenti stranieri sono arrivati da tutto il mondo per almeno 3 anni.

Come riportato dalla CNN il direttore della National Intelligence degli Stati Uniti, James Clapper, ha detto che sarebbero 38.200 i combattenti stranieri ad essere arrivati in Siria da altri paesi, di cui almeno 6900 dai paesi occidentali. Il che conferma in modo plastico come l’Occidente abbia delle responsabilità devastanti nell’aver rinfocolato la guerra in Siria. Come mai infatti per tre anni i paesi della Nato e non solo hanno chiuso gli occhi di fronte all’esodo di pericolosi jihadisti verso la Siria con il chiaro intento di unirsi alla guerra contro Assad? Basta fare una breve ricerca su internet per verificare come le autorità di Damasco lamentassero la presenza di mercenari e jihadisti stranieri già tre anni fa, eppure l’Occidente all’epoca scelse di chiudere gli occhi in quanto evidentemente il suo unico obiettivo era la cacciata di Assad. “Almeno 38.200 stranieri, tra cui 6900 provenienti da paesi occidentali, sono arrivati ​​in Siria dal 2012“, ha detto Clapper, ammettendo quindi nella sostanza le responsabilità di Usa e occidente nell’aver rafforzato le bande che combattono contro Damasco. Questi 38.200 foreign fighters sono arrivati da 120 paesi differenti, in particolare da Qatar, Turchia e Arabia Saudita, e questo vuole anche dire che molti dei governi di questi paesi sapeva, e non ha fatto niente. E chiaramente uno dei confini più caldi, ma anche questo lo si sapeva, sarebbe proprio quello con la Turchia, da dove i jihadisti avrebbero ricevuto rifornimenti e un passaggio sicuro.

Photo Credit

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top