Proposta anti-corruzione. Il Pdl tremaTribuno del Popolo
venerdì , 21 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Proposta anticorruzione. Il Pdl trema

Proposta di Grasso sul voto anti-corruzione che minaccia la presenza degli ineleggibili.

Photo Credit

La paura del PDL è un’alleanza tra PD e M5S per far fuori il senatore Berlusconi; parla Brunetta: “I parlamentari PD sono recidivi, inaffidabili per il passato, speriamo non lo siano per il futuro”. Questo martedì ci sarà l’insediamento della Giunta per la questione sull’immunità; si verificheranno le condizioni di eleggibilità dei parlamentari e si voterà chi espellere. I 5 Stelle sono pronti e probabilmente si tireranno dietro buona parte del PD e SEL. Brunetta e Schifani, consapevoli di ciò, pongono la questione ai vertici del governo, minacciando la stabilità del governo. In risposta il PD dichiara di essere saldo sui provvedimenti governativi da prendere, ma non garantirà sugli esiti delle votazioni, in quanto sono libere e a scrutinio segreto. Ci si potrà aspettare di tutto; di certo il PD è spaccato tra SEL che dichiara una ferma opposizione al governo degli “inciuci”, insieme ai molti parlamentari democratici che non hanno ancora digerito l’alleanza con la destra. Un’altra parte del partito di Epifani pensa anche alla questione della legge elettorale. La preoccupazione è quella che “cadi” Montecitorio senza prima eliminare il porcellum, ritrovandoci, così, senza governo e una legge che rende vane nuove elezioni. C’è Zanda e Speranza che propongono un ritorno al Matterellum, ma il PDL e buona parte del governo non condividono l’idea. Come sempre più divisioni che accordanze, tante parole e pochi fatti, più questioni interne che attenzione alla popolazione…Insomma, questo governo non s’ha da fare né domani, né mai.

Glenda Silvestri

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Glenda Silvestri

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top