Proteste in tutto il mondo in vista del processo a Bradley ManningTribuno del Popolo
sabato , 21 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Proteste in tutto il mondo in vista del processo a Bradley Manning

Proteste e manifestazioni sono state organizzate un pò in tutto il mondo  a supporto di Bradley Manning, il soldato che dovrà affrontare il processo più importante degli ultimi tempi per aver diffuso dati sensibili dell’intelligence Usa a WikiLeaks. 

La corte marziale-militare si radunerà lunedì nel Maryland per giudicare il 25enne soldato Bradley Manning, assurto agli onori della cronaca per aver diffuso informazioni di intelligence riservate dell’esercito degli Stati Uniti. In particolare Manning è accusato di aver sottratto centinaia di migliaia di dati sensibili dell’intelligence a stelle e strisce per inviarli a WikiLeaks, inclusi i famosi cablo diplomatici del Dipartimento di Stato americano. Grazie al giovane e coraggioso soldato WikiLeaks è riuscita quindi a mettere le mani anche su notizie di guerra di prima mano in Iraq e Afghanistan che provano violazioni dei diritti umani e altri dati scottanti sulla prigione di Guantanamo Bay. Manning ha ammesso di aver rubato i documenti già a febbraio, e in molti temono che andrà incontro a una sentenza di colpevolezza esemplare dal momento che molti accusatori sostengono che Al Qaeda abbia tratto un effettivo vantaggio dalla pubblicazione dei documenti su WikiLeaks. La scorsa settimana sono trascorsi tre anni dal giorno in cui Manning è stato catturato dalle autorità americane in Iraq; il giovane ha passato due mesi all’interno di una gabbia in Kuwait, in condizioni inumane, prima di venire trasportato nella base di Quantico, nel Nord Virginia. Qui è stato sottoposto per più di un anno a un trattamento considerato dalle Nazioni Unite come “tortura”.  Manning ha poi passato altri due mesi in una prigione di Leavenworth, in Kansas. 

Per ricordare il suo sacrificio migliaia di supporter di Manning, e i suoi avvocati difensori, hanno chiesto alla Corte di far cadere le accuse sul loro assistito dal momento che è rimasto per oltre mille giorni in confino pre-processuale. I dimostranti si raduneranno nel week-end in attesa che si raduni la corte marziale per rendere omaggio a un uomo, Manning, che ha sacrificato se stesso affinchè il mondo potesse venire a conoscenza di cosa realmente stava accadendo in Iraq e Afghanistan. Gli organizzatori si aspettano che almeno mille persone convengano nella giornata di sabato di fronte alla base di Quantico, ma ci saranno sit-in e cortei in almeno due dozzine di città americane e internazionali. Il 1 giugno si terranno manifestazioni in onore di Manning in Australia, Canada, Germania, Italia, Gran Bretagna e Sud Corea, il tutto per non far sentire solo il giovane 25enne. A Londra i supporter di Manning si raduneranno fuori dall’ambasciata americana, mentre a Toronto, in Canada, i manifestanti si raduneranno di fronte al Consolato Generale degli Stati Uniti.  Manning è stato accusato per aver violato l’Espionage Act, facendo “intelligenza” con il nemico, e ora rischia una condanna a vent’anni di reclusione.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top