Quanto è possibile una Terza Guerra Mondiale entro i prossimi 10 anni?Tribuno del Popolo
domenica , 24 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Quanto è possibile una Terza Guerra Mondiale entro i prossimi 10 anni?

Negli ultimi tempi guardando ai rapporti tesi tra Mosca e Washington molti hanno riesumato il termine di “Guerra Fredda”. Dall’Ucraina fino alla Siria è stata creata una ampia fascia di instabilità intorno alla Russia, e la sensazione è che gli Usa tenteranno di aprirne altri in quanto la finestra della supremazia militare americana su Russia/Cina finirà presumibilmente entro i prossimi dieci anni.

Se qualcuno volesse utilizzare le armi per risolvere le controversie internazionali e spazzare via i propri rivali probabilmente questo sarebbe il momento migliore. Gli Stati Uniti, ovvero la grande potenza del mondo che si illudeva di trasformarlo da bipolare in unipolare si sono dovuti rendere conto con l’avvento dei Brics, e in particolar modo con lo sviluppo tumultuoso della Cina e il ritorno della Russia, il loro dominio economico e culturale nel XXI secolo sarebbe stato messo a repentaglio. Dall’11 settembre in poi abbiamo assistito agli Usa che hanno sistematicamente lavorato per l’instabilità globale, forse proprio per minare dalle fondamenta la possibilità di perdere la propria egemonia strategica. Lo sviluppo della Cina e la ripresa della Russia hanno però rotto le uova nel paniere trasformando il mondo in multipolare, ma tutto questo ha comportato una serie di conseguenze di media e lunga durata rendendo nuovamente possibile un conflitto militare tra grandi potenze per il controllo globale.

Ora, il problema che sfugge a molti è che gli Usa entro una decina d’anni potrebbero perdere la supremazia militare rendendo quindi decisamente più improbabile un conflitto. E’ dunque presumibile che quei potentati economici che hanno interesse a preservare l’egemonia dell’Occidente  e degli Usa in particolare abbiano tutto l’interesse a scatenare tale conflitto entro questa finestra temporale. I rinnovati attriti di Washington con Pechino spingono in questa direzione anche se ovviamente la speranza è che la diplomazia possa evitare il peggio. Del resto il MAD, ovvero la Mutual Assured Distruction assicurata dal possesso di tutte le parti in causa di armi nucleari rende perlomeno improbabile che una Terza Guerra Mondiale possa avvenire in modo frontale. Più facile che assisteremo a tante Siria e Ucraina magari anche nel cortile di casa nostra in quanto è proprio in questi anni che le grandi potenze si dividono il controllo strategico delle risorse ed è facile che una potenza declinante come quella occidentale sia pronta a scatenare il caos piuttosto che a rivedere se stessa.

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top