Quei filantropi della Apple...Tribuno del Popolo
sabato , 27 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Quei filantropi della Apple…

Su internet diversi siti riportano la notizia che la Apple starebbe facendo tantissimo per migliorare le condizioni dei lavoratori in Cina. Ma dove iniziano i meriti della Apple e dove finiscono quelli del governo cinese?

Non c’è niente da fare, quando i media occidentali decidono chi sono i buoni e chi sono i cattivi, non si potrà fare più nulla per invertire la tendenza. Stiamo parlando della Apple, notoria azienda americana, che fà affari da tempo in Cina. Secondo diversi siti, come il blog Ipaddisti, Apple starebbe facendo molto per migliorare le condizioni dei lavoratori in Cina. Da quando Tim Cook è arrivato alla presidenza dell’azienda secondo l’autore dell’articolo le azioni umanitarie in Cina sarebbero aumentate moltissimo. L’articolo cita poi le fabbriche della Foxconn, dove per mesi i media occidentali hanno martellato mostrandola come una fabbrica lager. Cook avrebbe avviato diversi investimenti per migliorare le infrastrutture d’accoglienza dell’azienda, e non contenta la Apple avrebbe creato un consultivo formato da otto professori provenienti dalle migliori Università degli Stati Uniti per fornire delle linee guida e migliorare le condizioni dei lavoratori cinesi. Quanta filantropia! E soprattutto secondo l’autore dell’articolo il governo cinese sarebbe uno spettatore passivo della vicenda? “l Programma di responsabilità dei fornitori, già esistente, verrà quindi migliorato e reso maggiormente performante. I docenti si preoccuperanno di realizzare dei consigli umanitari e professionali per potenziare l’infrastruttura lavoratrice dei dipendenti. Dal benessere dei lavoratori, d’altronde, passa anche il successo dell’azienda Apple, che punta all’avere degli iDevice costruiti con più attenzione e meticolosità: caratteristiche che possono nascere esclusivamente da una condizione di lavoro sicura ed eticamente corretta.“, si legge su http://www.ipaddisti.it, e a noi viene un pò da ridere che ci sia qualcuno che crede nella buonafede e nella bontà di una azienda come la Apple perchè si sa, c’è un disperato bisogno di eroi e modelli, e un’azienda che fabbrica ipad ha tutte le carte in regola a riguardo. “L’intero comitato punta a proporre delle soluzioni organizzative importanti per migliorare le condizioni di milioni di dipendenti cinesi coinvolti nei vari stabilimenti che la Apple ha in Cina. I primi punti da sviluppare partono dalle paghe adeguate, orari di lavoro nella norma e soprattutto un miglioramento dell’ambiente, che possa diventare ancora più sicuro e appagante per chi ci lavora all’interno. Dalla Cina, poi, il progetto si sposterà altrove cercando di abbracciare tutti gli stabilimenti Apple segnalati nella mappa posta in apertura.“, continua l’articolo, aumentando il senso di farsa intorno a tutta la vicenda. Sembra quasi che la Apple sia un attore più importante dello stesso governo cinese nel determinare le condizioni dei lavoratori negli stabilimenti, come se tutto quello che avviene di buono sia merito della Apple, e viceversa il governo cinese sia responsabile solo ed esclusivamente degli sfruttamenti, delle mancanze, delle violazioni. Insomma il solito metodo all’americana dei due pesi e due misure..

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top