Renzi a Torino viene contestato al PolitecnicoTribuno del Popolo
giovedì , 23 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Renzi a Torino viene contestato al Politecnico

Matteo Renzi si è presentato per inaugurare l’anno accademico del Politecnico con la consueta retorica ma ad accoglierlo nel corso antistante l’università lo hanno aspettato numerosi studenti, lavoratori e cittadini che hanno voluto contestare l’operato del governo lanciando un messaggio preciso. La contestazione lo ha raggiunto anche in Aula Magna, ma lo studente coinvolto è stato allontanato.

Matteo Renzi è andato  a Torino per l’inaugurazione dell’anno accademico del Politecnico ma gli studenti, i cittadini e i sindacati hanno pensato bene di organizzare un nutrito, rumoroso e colorato sit-in proprio di fronte all’ingresso. E’ il solito retorico Renzi quello che ha ovviamente evitato la contestazione entrando dal retro e sciorinando il consueto repertorio di retorica: “Basta con il Paese lagna”, esattamente la stessa retorica che ha portato un bel pò di persone a contestarlo, dai sindacati di base alla Fiom/Cgil  fino ai vari attivisti di sinistra, ma anche semplici cittadini che di Renzi ne hanno, semplicemente, piene le scatole. Livio Sera, rappresentante degli studenti del Poli, nel corso della cerimonia ha portato all’interno dell’aula magna la voce di chi era fuori a contestare e ha chiesto a Renzi e al governo di “invertire la marcia e mettere un freno al depauperamento dell’università pubblica”. Non solo, Sera al termine del discorso del premier ha poi mostrato un cappello da giullare e ovviamente le forze dell’ordine hanno pensato bene di portarlo via. Insomma, basta lagne, il nuovo vento sembra essere quello, accettare quello che dice Renzi tra battute e sorrisi o niente. Non poteva poi mancare la lunga liste delle promesse fatte da Renzi che vanno dagli “investimenti sul capitale umano” fino alla realizzazione delle riforme di scuola e università, ma la sensazione è che ormai abbia perso in una parola la credibilità dal momento che tali riforme sembrano sempre più cadute dall’alto e imposte agli studenti che sembrano contare sempre di meno.

fiomax

 

All’esterno, su Corso Duca degli Abruzzi, centinaia di manifestanti hanno atteso con pazienza Renzi con tanto entusiasmo ma anche tanta rabbia. I temi della protesta erano svariati, dalla critica frontale al Jobs Act fino al tema della casa, per arrivare al diritto allo studio e alla famigerata “Buona Scuola” che sembra convincere solo il Pd e il governo, meno cittadini e studenti. Molti studenti hanno esposto bandiere No-Tav mentre altri si sono presentati indossando cappelli da buffoni e con il volto dipinto a dare un tocco di goliardia e carnevale al sit-in. Tanti gli slogan esibiti, da “Apprendistato uguale sfruttamento” fino a “La buona scola non è quella che ti crolla in testa” (chiaro il riferimento al crollo di Pescara di oggi), e “Via i privati dalle scuole”, tutte proteste a cui Matteo Renzi si è mostrato e continua mostrarsi completamente sordo, ignorando de facto le richieste di coloro per i quali bisognerebbe realizzare le tanto conclamate riforme. Ma alla manifestazione non c’erano solo studenti, nossignore, c’erano anche tanti lavoratori pubblici della provincia, precari, disoccupati, cassaintegrati e semplici operai che hanno voluto dire in qualche modo a Renzi che il Jobs Act proprio non piace e che le mobilitazioni dell’autunno non si sono sciolte come neve al sole di fronte al timore dei venti di guerra odierni. Insomma, Renzi e il Pd possono anche illudersi di avere il Paese in mano ma sicuramente difficilmente riusciranno a tacitare un dissenso che sembra fermentare sempre più all’ombra dell’arroganza del governo.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Un commento

  1. mario salvatore gravina

    Tutto vero, tutto giusto, ormai sappiamo come funziona la faccenda. Ma guardando al gioco delle parti, non capisco perché la protesta non si inserisca in Parlamento. C’ è un Movimento che ha bisogno di tutti voi, è la dentro … i media ve lo hanno fatto odiare, perché molti di voi non sapevano nemmeno che esisteva. Perché non li appoggiate? In Parlamento sono isolati e chiedetevi il perché … Non certo come vi dicono i media che non vogliono confrontarsi. Questo confronto sappiamo tutti che, non è mai stato proposto ai 5 Stelle in maniera concreta! Sappiamo che Renzi vorrà arrivare al 2018 e nel frattempo cosa si fa? Il partito c’ è ed è dentro il Parlamento e aspetta che voi li andiate a stuzzicare e ad aiutare! Mao diceva che se devi fare la rivoluzione, prima devi fare il partito rivoluzionario! Perché ve lo hanno fato odiare a tal punto da farlo declassare nei vostri immaginari? Se fosse stato come gli altri, non crediate che invece i media avrebbero fatto in modo che, voi POPOLO, avreste potuto continuare ad avere della simpatia magari e non di più? Chiedetevi perché provate se si vuole anche più odio di quello che provate per Berlusconi e compagnia Pd incluso … chiedetevelo! Appoggiate il Movimento che adesso è messo in difficoltà anche nel ruolo d’ opposizione. Gli hanno tolto quei 35 parlamentari necessari per non finire mai in minoranza e così hanno risciolto il guinzaglio al vetusto Berlusconi per far sì che anche dall’ opposizione … questo Movimento che in verità rappresenta tutti voi e tutti noi del Popolo, di questo Popolo d’ inizio terzo millennio … sia sminuito e sparisca. AIUTATELO CHE DOMANI SARETE AIUTATI. DATEGLI ADDOSSO E NESSUNO OSERA’ IN FUTURO, FARE LA FOLLIA DI METTERE ASSIEME IN UN LUOGO E SOGGETTO POLITICO, LE SPERANZ3E E LE AMBIZIONI DEGLI ITALIANI. DATEGLI UNA MANO e metteteli voi in disparte se ritenete giusto Grillo e Casaleggio che non c’ entrano un cazzo con tutta questa moina. Aiutatelo senza sì e senza ma! ADESSO IL TENTATIVO DEI MEDIA, E’ QUELLO DI FARVI ENTRARE SALVINI NELLE GRAZIE, PERCHE’ VUOLE ABOLIRE LA LEGGE FORNERO (I 5 STELLE LO HANNO SEMPRE FATTO E VOI NON NE SAPETE UN CAZZO!) COSI’ DA COMPRARSI I CONSENSI PRIMA CON GLI 80 EURO E ADESSO CON I NEO PENSIONANDI, MENTRE SAPPIAMO TUTTI CHE SALVINI NON VALE NEMMENO L’ ACQUA SPORCA CHE SI BEVE! EPPURE VE LO STANNO RENDENDO SIMPATICO E CHIEDETEVI IL PERCHE’! Quando il sistema iniquo sulla vostra pelle, vuole che un Movimento 5 Stelle, sparisca del tutto è perché questo Movimento con il sistema, non c’ entra nulla anzi è L’ ESATTO OPPOSTO! S V E G L I A A A A A A A T E V I …. prima che non avrete altre possibilità ….

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top