Renzi al 40%, Grillo non "manda a casa" nessunoTribuno del Popolo
venerdì , 20 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Renzi al 40%, Grillo non “manda a casa” nessuno

Storica vittoria del Pd di Matteo Renzi che vince a mani basse le elezioni Europee. Sconfitta cocente del Movimento Cinque Stelle che parlava di “sorpasso” e ora si lecca le ferite. Bene la lista Tsipras che prende il 4% così come l’Ncd di Alfano. Spaventa la Lega al 6%, mai così a destra. 

All’indomani delle elezioni Europee a esultare è il Pd di Matteo Renzi, lo stesso Pd che temeva di essere battuto da Beppe Grillo e dal Movimento Cinque Stelle solo fino a poche ore prima dalla chiusura delle urne. E invece la maggioranza silenziosa, forse spaventata dagli “Oltre Hitler” e dai “Processi” invocati dal Movimento, ha fatto quadrato intorno al Pd permettendo così a Renzi di crogiolarsi di una vittoria dalle proporzioni storiche, con un 40% che la dice lunga sul credito concesso dagli italiani al premier. Il vero dato semmai è quel 42% di astensione che ci dice in modo plastico quanto ormai questa politica de-ideologizzata non piaccia agli italiani e quanto spazio ci sarebbe per qualcosa di nuovo. Esulta anche la Lista Tsipras che passa il 4% forse sull’onda della vittoria di Alexis Tsipras ad Atene, e tira un sospiro di sollievo anche l’Ncd si Alfano che ha superato a sua volta il 4% per il rotto della cuffia. Il dato che emerge e dovrebbe preoccupare invece è il 6% della lega Nord di Salvini, mai così a destra e orgogliosamente fan di Le Pen che, con il suo terremoto in Francia, rischia di dare nuova linfa anche al Carroccio. L’estrema destra infatti sembra aver trovato la sua nuova casa dopo il crollo di Forza Italia e il mancato successo dei Fratelli d’Italia, fuori dallo sbarramento. Insomma l’Italia ha scelto Renzi con il Pd che si appresta a diventare il riferimento moderato della maggioranza degli italiani. Ora la vera domanda è se ce la farà il Movimento Cinque Stelle a ricostruire un entusiasmo nei suoi elettori per incalzare nuovamente un governo, quello a marca Renzi, che ora con il 40% dei consensi ha ottenuto una sorta di licenza in bianco. Sarà difficile per chiunque costruire una opposizione a questo Pd nell’immediato futuro.  Se non altro si è almeno consumata la grande mazzata a Silvio Berlusconi, l’unico grande vero sconfitto, finalmente fuori dai giochi elettorali. Meglio tardi che mai.

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/palazzochigi/13888763069/”>Palazzochigi</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top