Rodotà e Landini aprono il cantiere: "Ripartire dalla Costituzione"Tribuno del Popolo
venerdì , 21 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Rodotà e Landini aprono il cantiere: “Ripartire dalla Costituzione”

Rodotà ha aperto oggi l’assemblea nazionale promossa con Landini, una piattaforma che si va configurando come un vero e proprio spazio politico in vista della manifestazione del 12 ottobre. 

Lavori in corso nella sinistra italiana. Stefano Rodotà ha aperto oggi l’assemblea nazionale promossa con Maurizio Landini. Si tratta più dell’esplorazione di un vero e proprio spazio politico, almeno per ora, un luogo per creare dibattito e aggregare intorno ai temi della difesa della Costituzione, la stessa Costituzione messa in discussione negli ultimi anni e che continua a venire attaccata da ogni parte. “Ripartire dalla Costituzione” quindi, anche per dare una risposta alle politiche dell’Ue che hanno imposto il fiscal compact, e per “promuovere un’altra idea di società, per discutere nei territori e tornare a Roma il 12 ottobre per una grande manifestazione dopo «un mese di discussione seria“.  Eh sì perchè media e  opinione pubblica ormai presentano quella per la difesa della Costituzione come una difesa di retroguardia, mentre invece secondo noi rappresenta effettivamente la regina di tutte le battaglie. Rodotà ha aperto le discussioni dell’assemblea nel centro congressi di Via dei Frentani e ha parlato di lavoro, reddito e beni comuni ricevendo applausi e ovazioni dai presenti. All’assemblea erano presenti un pò tutti i membri della sinistra cosiddetta radicale, da Ferrero e Vendola fino a Casarini e al direttore di Micromega Flores D’Arcais, ma anche Corrado Oddi dei referendum sull’acqua, e Guido Viale di Alba e Sandro Medici della rete delle città solidali. C’è fermento in vista del 12 ottobre, quando si cercherà di organizzare una manifestazione oceanica in modo da lanciare un messaggio preciso e aprire una nuova era che chiuda, finalmente quella del ventennio berlusconiano. Insomma qualcosa si sta muovendo e finalmente forse potrebbero cominciare i lavori per un nuovo movimento, serio, non verticista e che guardi seriamente al futuro mettendo in discussione le politiche neoliberiste sposate ormai anche dal Pd di Renzi.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top