Roma: contro il Jobs act i precari occupano il Ministero del lavoroTribuno del Popolo
giovedì , 25 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Roma: contro il Jobs act i precari occupano il Ministero del lavoro

Precari e precarie hanno occupato il Ministero del Lavoro a Roma. Cartelli con su scritto “Stop Jobs Act, Reddito per tutti” e slogan contro il Premier Renzi dopo la giornata di ieri, dove alla Camera il Jobs Act ha incassato il voto favorevole. Stessi cartelli che hanno caratterizzato il 14 novembre, giorno dello sciopero sociale indetto in tutta Italia.

Fonte: Oltremedianews

Sono tante le perplessità che aleggiano attorno a questa decreto (leggi).

Sulle pagine dei movimenti che hanno aderito alla protesta si legge: “Nonostante le mobilitazioni e gli scioperi che inondano il Paese, Renzi e Poletti accelerano e il Jobs Act procede verso l’approvazione definitiva.

L’emendamento governativo, che nulla risolve rispetto all’eliminazione dello Statuto dei lavoratori, è servito soltanto a pacificare una parte del PD, comprimendo al minimo l’opposizione della minoranza. La logica rimane la stessa: eliminare l’articolo 18 senza estendere, a mezzo di risorse adeguate, gli ammortizzatori sociali. Una truffa ai danni di tutti, precari e lavoratori stabili.
Ma Renzi e Poletti hanno fatto male i conti: le mobilitazioni non si fermano! Lo sciopero sociale del 14 novembre è stato solo una battuta di inizio. Un processo di sindacalizzazione diffusa del lavoro precario, degli studenti, dei disoccupati, dei neet, sta prendendo forma. L’opposizione al Jobs Act va avanti ora e andrà avanti durante il voto finale al Senato, e nel periodo di definizione dei decreti attuativi.

Chi è senza diritti alza la testa e vuole essere ascoltato, rifiuta retribuzioni da fame e pretende salario minimo europeo, reddito di base, welfare universale.”

Nicola Gesualdo

VAI SULLA PAGINA FBD EL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top