Roma. Semestre europeo? Una manifestazione nazionale “guferàcontro” | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 18 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Roma. Semestre europeo? Una manifestazione nazionale “guferàcontro”

Un Autunno Caldo anticipato al mese di giugno. Sintomo di un malessere sempre più diffuso. Il 28 giugno molte realtà della sinistra antagonista scenderanno in piazza.

Fonte: Oltremedianews

Hanno scelto come logo un Gufo – ossessione del governo di Renzi - , hanno convocato un corteo nazionale a Roma per il prossimo 28 giugno e inaugureranno con questa manifestazione un vero e proprio “Controsemestre popolare e di lotta”.
433603

Una coalizione di sindacati, reti e movimenti sociali, organizzazioni politiche della sinistra antagonistascenderà in campo sin dalle prossime settimane in occasione del semestre europeo a presidenza italiana.
Nel mirino le misure adottate e progettate dal governo Renzi, il Jobs Act e le privatizzazioni ad esempio, ma anche e soprattutto l’opposizione ai diktat e ai Trattati dell’Unione Europea (a partire dal Fiscal Compact) ritenuti una gabbia che strangola gli interessi popolari e la democrazia.

Il semestre europeo di Renzi e della Troika (Bce, Ue, Fmi) non corrisponde in alcun modo alle aspettative e alla crescente rabbia popolare contro i vincoli europei e i governi che vi si adeguano.

Tra i promotori del Controsemestre popolare e di lotta ci sono sindacati come l’Usb, la minoranza Cgil, la Cub; reti nazionali di attivisti come “Noi saremo tutto” o gli universitari della campagna “Noi restiamo”, organizzazioni e partiti della sinistra antagonista come Rossa@, Rete dei Comunisti, Sinistra Anticapitalista, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito dei Comunisti Italiani, Partito della Rifondazione Comunista ma le adesioni stanno crescendo.

Sabato 28 giugno sfileranno con una manifestazione nazionale a Roma che partirà da piazza della Repubblica (c’è una trattativa in corso con la Questura sul percorso) e per i sei mesi successivi organizzeranno incontri pubblici, manifestazioni, azioni dirette in tutto il paese su questioni che vanno dal lavoro alle privatizzazioni, dai pericoli di guerra alla denuncia dei Trattati Europei.

Quest’anno “l’Autunno Caldo” potrebbe cominciare già alle soglie dell’estate.

  Redazione

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top