Rondolino e le critiche fuori bersaglio su #EmergencyTribuno del Popolo
lunedì , 24 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Rondolino e le critiche fuori bersaglio su #Emergency

Dopo la strage di Parigi chiunque osi ambire a suggerire un’analisi più complessa della guerra di civiltà può venire accusato di complicità o di essere “anti-occidentale”. E’ ad esempio quel che pensa il signor Fabrizio Rondolino che ha pensato bene di scrivere un Tweet in cui accusa #Emergency di essere una “organizzazione politica antioccidentale mascherata da ospedale ambulante”.

#Emergency è un’organizzazione politica antioccidentale mascherata da ospedale ambulante. Va isolata e boicottata

Questo il profondissimo tweet scritto da Fabrizio Rondolino, evidentemente offeso da chi si sforza di andare oltre l’invocazione di crociate e di guerre di civiltà per comprendere i fenomeni orribili che stiamo vivendo. Come se criticare le guerre dell’Occidente significhi in qualche modo diventare un personaggio da boicottare, lessico che ci ricorda tempi ormai andati e che non vorremmo rivivere. Uno può essere d’accordo o meno con le idee di Gino Strada, eppure troviamo che sia a dir poco allucinante accusare #Emergency. Strada infatti non ha mai cercato di nascondere il suo pensiero e ciascun cittadino che non la pensa come lui è liberissimo di non dare nemmeno un euro a Emergency, quello che troviamo allucinante è che Rondolino in un momento di tensione generale al posto che dare un contributo alla comprensione e all’analisi si sia lanciato in una sorta di ricerca del “nemico interno”, della “quinta colonna”. E quella di Rondolino è una retorica che non ci piace perchè prelude solitamente a una guerra, stiamo parlando del “o con noi o contro di noi” , come se l’Occidente con tutte le sue contraddizioni possa essere accettato in toto o rifiutato in toto. Eppure caro Rondolino il mondo non è bianco o nero come dicevi nel corso della tua intervista alla “Zanzara” quando con un livore atavico ti sei scagliato contro quella maledetta sinistra “terzomondista” che osa criticare l’Occidente, o meglio quel sistema economico e di potere che ti ha consentito di essere dove sei. Si può tranquillamente ritenere l’Isis il male assoluto e nel contempo ritenere che l’Occidente con le sue azioni abbia creato le premesse per questo orrore, questo ci sembra molto più costruttivo e filo-occidentale che accettarlo acriticamente come hai fatto tu, cadendo nel tranello dei terroristi di “noi” contro “loro”.

Gb

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top