Russia. Contro lo Stato Islamico è guerra veraTribuno del Popolo
venerdì , 24 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Russia. Contro lo Stato Islamico è guerra vera

Mentre l’Europa scopre la paura del terrore e di aver forse sbagliato politica estera in #Siria, la Russia continua incessante le proprie operazioni militari in Siria. Quella del Cremlino è una vera e propria guerra condotta con grande impiego di mezzi moderni e che sta provocando vuoti nelle fila dell’Is. Solo nella giornata ieri almeno 600 jihadisti sarebbero stati annientati dai missili russi, e la sensazione è che i bombardamenti aumenteranno di intensità.

Dopo che Vladimir Putin ha preso la storica decisione di intervenire in Siria contro lo Stato Islamico le cose sono cambiate radicalmente. In molti infatti erano ormai rassegnati alla lenta e pericolosa stagnazione della situazione siriana, con le bande degli jihadisti sempre più forti e incontrastate che avanzavano tanto in Siria quanto in Iraq senza che nessuno facesse materialmente nulla di serio per fermarli. Poi la decisione russa di intervenire accanto ad Assad e l’abbattimento del Metrojet russo sul Sinai hanno impresso una brusca accelerazione agli eventi, senza contare i tragici fatti del #Bataclan a Parigi.

In molti ora parlano di portare la guerra all’Isis, lo ha fatto Hollande per ovvi motivi e si comincia a parlarne anche in Italia, eppure c’è già qualcuno che sta facendo eccome la guerra al Califfo, e questo qualcuno si chiama Russia. Solo nella giornata di ieri, come riferito dal ministro della Difesa russo Serghiei Shoigu, ben 18 missili da crociera russi sparati dalle navi della flotta russa del Mar Caspio avrebbero completamente annichilito tutti i sette obiettivi prefissati, con un bilancio che parlerebbe addirittura di oltre 600 morti tra i jihadisti dell’Isis. Le bombe russe avrebbero completamente disarticolato i centri di comando del Califfo nelle provincie di Raqqa, Idlib e Aleppo,al punto che militarmente nei prossimi mesi potrebbe diventare impossibile per lo Stato islamico resistere ad eventuali offensive di terra.

Non solo, la Russia ha anche detto di aver  raddoppiato il numero di aerei utilizzati nei raid e nei bombardamenti in Siria, e presumibilmente anche il numero di azioni aumenterà fino al completo annichilimento dell’avversario, ancor più che i russi hanno cominciato a relazionarsi e coordinarsi con le forze armate francesi sul campo, fatto questo che sicuramente non piacerà a Obama. Ma come ha ricordato Giuseppe Masala su Megachip quanti chiedono un attacco massiccio all’Isis non tengono semplicemente conto che i russi stanno già portando avanti un attacco senza precedenti all’Is: “Per capirci: se considerassimo anche soltanto le ultime 24 ore, Mosca ha scatenato un qualcosa che finora si era visto solo nei film fantascientifici più visionari sulla Terza Guerra Mondiale.In un solo giorno si sono levati in volo oltre 20 bombardieri strategici tra Tu-22M Backfire, Tu-160 Blackjack e Tu-95 Bear, che, a pieno carico di missili da crociera aria-terra, possono arrivare a lanciare complessivamente oltre un centinaio di missili. Hanno lanciato 34 missili aria-terra distruggendo 13 obbiettivi chiave“.

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top