Russia. Corte Suprema vieta attività di gruppi nazionalisti ucrainiTribuno del Popolo
venerdì , 28 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Russia. Corte Suprema vieta attività di gruppi nazionalisti ucraini

La Corte Suprema russa ha deciso di vietare nel territorio della Federazione Russa ogni attività di due gruppi nazionalisti ucraini che sono stati etichettati come “estremisti”. Stiamo parlando di Right Sektor e UNA-UNSO. 

Sembra quasi che il mondo non voglia fare i conti con la presenza ormai documentata di gruppi di estrema destra radicale in territorio ucraino. Non la pensa così la Russia, dove la Corte Suprema nella giornata di lunedì ha deciso di bandire dal territorio della Federazione Russa ogni attività dei gruppi estremisti nazionalisti ucraini come Right Sektor e UNA-UNSO. Questo significa che ogni attività di questi gruppi in Russia verranno considerate fuori legge quando la decisione della corte diventerà attiva, e diventerà illegale anche esporre i loro simboli. Del resto in Ucraina esiste un pulviscolo di sigle e organizzazioni di estrema destra che cominciano a essere riconosciute anche da Ong e associazioni umanitarie internazionali. Tra di loro anche l’UPA (Ukrainian Insurgent Army), il Trident Stepan Bandera (Bandera era un collaborazionista delle SS), riconosciute come estremiste e vietate in Russia. Ad esempio Right Sektor è tristemente noto per essere una federazione di ucraini nazionalisti e radicali che nel 2013 si sono messi insieme coordinando anche gruppi di ultras di estrema destra. Ora i militanti del Right Sektor dichiarano di combattere per una rivoluzione che fondi un nuovo Stato Nazionale Ucraino, ma ai tempi della rivolta contro Yanukovich i loro aderenti si erano agitati per chiedere l’integrazione all’Europa e recidere ogni contatto con la Russia. Furono infatti proprio i militanti del Right Sektor a scendere in piazza ai tempi del Majdan e a rappresentare il nocciolo duro che affrontò gli scontri più duri contro la polizia. Right Sektor, come ricordato da Russia Today, è stato anche accusato di aver preso parte al massacro di maggio a Odessa, dove dozzine di persone vennero uccise al termine di una manifestazione all’interno del palazzo dei sindacati. Nel marzo del 2014 il Comitato Investigativo della Russia ha cominciato ad esaminare diversi casi criminali aprendo fascicoli contro molti membri radicali di gruppi ucraini accusati di aver combattuto militari russi nella guerra in Cecenia negli anni Novanta. Diversi avvocati russi inoltre starebbero pensando di preparare una lettera ufficiale da inviarsi alla Corte Criminale Internazionale per descrivere dettagliatamente i crimini commessi dai membri dei gruppi nazionalisti ucraini, inclusi quelli del Right Sektor, chiedendo che vengano riconosciuti come estremisti.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top