Russia. Il Cremlino approva azioni militari contro l'Isis in SiriaTribuno del Popolo
mercoledì , 29 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Russia. Il Cremlino approva azioni militari contro l’Isis in Siria

Tutto cambia in Siria? Sembrerebbe di sì dopo che il Consiglio della Federazione Russa ha approvato l’impiego delle forze armate lontano dal territorio nazionale. La decisione comunque riguarderà solamente l’uso dell’aviazione e non prevede l’impiego di truppe di terra in Siria. 

Era una formalità ma è arrivata l’approvazione da parte del Parlamento russo circa l’impiego all’estero delle forze armate russe. Il contesto entro cui tale votazione è avvenuta è quello della Siria, paese alleato del Cremlino di vecchia data che ha chiesto formalmente aiuto a Mosca per fronteggiare l’avanzata del terrorismo islamico e dei gruppi jihadisti. Nonostante le polemiche in Russia sostengono che si tratti di un intervento del tutto in consonanza con le regole internazionali e mirato a colpire il terrorismo, inoltre il Cremlino ci ha comunque tenuto a precisare che si è trattato di una autorizzazione all’uso dell’aviazione e non di truppe di terra in Siria.

L’obiettivo dei russi insomma sarebbe quello di supportare le forze governative siriane utilizzando l’aviazione nella guerra contro lo Stato Islamico, un gruppo terroristico che dovrebbe essere inviso anche all’Occidente. E’ stato proprio il presidente siriano Bashar al-Assad infatti a chiedere formalmente alla Russia un aiuto militare, che dunque è stato formalmente concesso. Con una abile mossa dunque Mosca dice di aver risposto “presente” alla chiamata alle armi contro il terrorismo islamico, e soprattutto di volerlo fare senza ignorare la legge internazionale, cosa ad esempio accaduta quando la Francia ha forzato la mano su Gheddafi in Libia.

Il Cremlino ha fatto anche sapere che informerà gli alleati stranieri della decisione presa dal Cremlino e dal Parlamento per proteggere gli interessi russi nella regione e per sconfiggere il terrorismo. Al momento però non è ancora stato possibile chiarire quanto dureranno le operazioni militari russe in Siria. Le autorità russe comunque hanno insistito molto sul fatto che l’aiuto prestato ad Assad sia del tutto legale dal punto di vista della legge internazionale, al contrario di quanto stanno facendo Usa, Francia e altri paesi in Siria con i presunti raid aerei contro il Califfo. Secondo quanto riportato dall’emittente americana “Fox News” inoltre, la Russia avrebbe a seguito della votazione anche richiesto ufficialmente agli Stati Uniti di ordinare agli aerei americani di abbandonare subito i cieli della Siria.

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top