Russia. Nostalgia canaglia dell'Urss | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
sabato , 25 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Russia. Nostalgia canaglia dell’Urss

A ormai più di vent’anni dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica secondo un sondaggio pubblicato alla vigilia del Novantesimo anniversario dalla fondazione dell’Urss, il 56% dei russi guarda con rammarico alla caduta del socialismo reale.

zyuganov-rally-02-23-02-12

A più di vent’anni dalla caduta del socialismo reale è tempo finalmente di bilanci. Indagando si scoprirà che i russi non guardano al periodo dell’Urss come potremmo immaginarci. In occasione del Novantesimo anniversario della fondazione del primo Stato socialista, il Centro di Ricerche di Pubblica Opinione russo ha lanciato un sondaggio tra i russi i cui risultati sono stati per certi versi del tutto sorprendenti. Dati alla mano circa il 56% dei russi guarderebbe con rammarico alla dissoluzione dell’Urss, rimpiangendo i tempi dell’Unione Sovietica.  La cosa ancor più sorprendente è che solo un terzo dei russi dichiara di non piangere una lacrima pensando al collasso dell’Urss di 21 anni fa.  La maggioranza dei russi che hanno risposto al sondaggio dicendo di sentirsi nostalgici nei confronti dell’Urss sono persone sui 45 anni di età, con un livello di educazione basso e che magari non possiedono un allaccio internet. Vi sono però anche moltissimi cittadini delle principali città russe,mentre la maggioranza dei più giovani ammette di preferire la vita nella Russia moderna. Due terzi degli intervistati comunque, ha ammesso che l’Urss avesse centrato lo sviluppo economico e culturale delle popolazioni che vivevano nel suo territorio, e solo il 20% invece resta convinta del contrario. Insomma due decenni dopo quella caduta che cambiò il mondo, più della metà dei russi sono convinti che il collasso dell’Urss potesse essere evitato, e solo il 35% continua a rispondere che fu inevitabile. Come se bastasse circa il 46% dei cittadini russi biasima la classe politica che ha portato l’Urss al dissolvimento, e tale percentuale è in progressivo aumento. Visto e considerato che il Partito Comunista Russo di Zyuganov oggi ha circa il 20% dei consensi, appare chiaro come a Mosca negli ultimi vent’anni le cose non siano poi andate così bene come raccontavano i pasdaran del liberismo sfrenato alla vigilia della caduta del comunismo.

D.c.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top