Russia. Putin accusa Kiev di pulizia etnica e neonazismoTribuno del Popolo
martedì , 24 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Russia. Putin accusa Kiev di pulizia etnica e neonazismo

Vladimir Putin ha detto chiaramente che se Kiev continuerà ad ammassare le sue forze in Ucraina dell’Est nonostante gli accordi e a utilizzare bande di nazionalisti radicali, allora Mosca continuerà a essere preoccupata di una possibile pulizia etnica in atto nel Donbass. 

Kiev sta decidendo di affrontare il problema dei separatisti dell’Est in un modo che lascia perplessi dal momento che il presidente Poroshenko ha anche annunciato di voler sospendere ogni servizio pubblico nel Donbass. Vladimir Putin ha concesso una intervista a Huber Seipel del canale tedesco ARD a margine del summit del G20, e Putin ha ammonito circa le catastrofiche conseguenze per l’Ucraina che si avrebbero qualora il governo di Kiev continuasse a fomentare il nazionalismo e la russofobia anche e soprattutto nei ranghi del suo esercito e della Guardia Nazionale, quelle più utilizzate nelle rappresaglie contro il #Donbass.

Parlando chiaramente siamo molto spaventanti circa ogni possibilità di pulizia etnica e che l’Ucraina diventi una sorta di Nazi-Stato. Cosa dovremmo pensare se la gente indossa svastiche sulle loro maniche? O che cosa dovremmo pensare se possiamo vedere gli emblemi delle SS sugli elmetti di alcune unità militari combattenti in Ucraina dell’Est? Se è uno Stato civilizzato, dove stanno guardando le autorità? Al Massimo dovrebbero liberarsi di questa uniforme, o obbligare i nazionalisti a rimuovere quegli emblemi“, ha detto Putin. Del resto sempre Putin ha detto chiaramente che i miliziani del Donbass hanno almeno una chiara ragione per non lasciare le città che occupano, ovvero la paura di rappresaglie da parte di Kiev.  Inoltre sempre Putin ha allontanato l’idea che debba essere solo la Russia la chiave per risolvere la crisi in Ucraina sostenendo che qualcuno sta tentando di scaricare su Mosca la responsabilità del conflitto. Non solo, Putin ha insistito sul fatto che esaltando la russofobia in Ucraina potrebbe portare a una reale catastrofe. Anche per questo motivo la Russia non permetterà a Kiev di inviare armate nell’Est dell’Ucraina per annichilire i suoi nemici in loco

Putin ha ricordato come le autorità di Kiev abbiano inviato le loro forze armate nell’Est del Paese e abbiano utilizzato missili balistici senza che nessuno nell’opinione pubblica ne abbia parlato. Non solo, il presidente russo ha anche detto che l’Occidente non ha esibito nessuna prova che dimostri che la Russia stia fornendo armi ai guerriglieri del Donbass; al contrario l’esercito di Kiev ha ricevuto armi e fondi dalla Nato e dall’Occidente. Anche gli accordi di Minsk, ricordati dalla diplomazia occidentale, sarebbero stati resi possibile grazie alla mediazione della Russia. Il problema però sembra essere che Kiev abbia nuovamente ammassato soldati vicino ai territori occupati dai ribelli del Donbass in pesante violazione degli accordi di Minsk.

 
VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top