Russia. Si riscopre il mito di Stalin tra polemiche e celebrazioniTribuno del Popolo
martedì , 12 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Russia. Si riscopre il mito di Stalin tra polemiche e celebrazioni

 

Tra polemiche e celebrazioni la Russia continua a fare i conti con la figura ingombrante di Josif Stalin. Fa discutere a Mosca la proposta dei veterani di guerra della repubblica di Sakha-Yakutiya di inaugurare una nuova statua in onore del leader comunista. 

Photo: (RIA Novosti / Bolot Botchkarev)

In Russia in questi ultimi anni è in corso un processo di riscoperta, o meglio di rivalutazione, del passato sovietico. Vuoi per la crisi economica e di valori che ha colpito la Russia negli anni Novanta, vuoi per le privatizzazioni selvagge che hanno peggiorato le condizioni di vita di diversi settori della società, in molti continuano, anche nel XXI secolo, a guardare proprio al passato sovietico con nostalgia. Non a caso il Partito Comunista Russo è il secondo partito del Paese, e secondo i sondaggi vedrebbe aumentare i propri consensi mese dopo mese ai danni del partito al potere Russia Unita di Vladimir Putin. Recentemente un sondaggio della Carnegie Endowment ha dimostrato che ben il 49% dei russi (Leggi l’articolo qui) valuterebbe in modo positivo la figura di Josif Stalin. Oggi la nostalgia del passato si arricchisce di un nuovo capitolo: a Yakutsk, nella repubblica di Sakha-Yakutiya, i veterani di guerra supportati dal locale Partito Comunista della Federazione Russa, hanno raccolto fondi e materiali a sufficienza per realizzare una statua di Stalin, e una locale compagnia di diamanti ha accettato di piazzare il monumento di fronte ai proprio uffici, nel centro di Yakutsk. Le autorità cittadine avrebbero accettato l’iniziativa di buon grado, e gli attivisti del Partito Comunista hanno lanciato un appello a giudicare le figure storiche in base ai risultati delle loro azioni, e non in base all’emozione. Sempre in una nota hanno promesso di voler continuare a combattere per uno Stato libero, con libera educazione ed uguaglianza per la gente. Il tutto era nato sei anni prima, quando il locale Partito Comunista aveva inviato la richiesta di costruzione della statua alle autorità regionali in occasione del Novantesimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre. In quel caso il sindaco della città Zubolev si era opposto alla richiesta. Nel maggio 2012 però il sindaco della città è cambiato, le autorità hanno dato il via libera. Il processo di rivalutazione della figura di Stalin ha toccato il suo apice nel 2010, quando diversi attivisti avevano sistemato ritratti di Stalin sugli autobus di San Pietroburgo per celebrare la vittoria della Russia nella Seconda Guerra Mondiale. Nel 2011 e nel 2012 altre città russe hanno lanciato le loro linee di bus con i ritratti di Stalin.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top