Scontri a Napoli all'arrivo del ministro CarrozzaTribuno del Popolo
lunedì , 24 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Scontri a Napoli all’arrivo del ministro Carrozza

Gravi scontri a Napoli ieri in occasione dell’arrivo del nuovo ministro dell’Istruzione, Carrozza. Ad alzare la tensione sarebbero stati dei provocatori di estrema destra mascherati da lavoratori.

Alta tensione ieri a Napoli in occasione della visita del nuovo ministro dell’Istruzione Carrozza. Studenti e ricercatori si sono radunati in forze per contestare la presenza del ministro ma hanno trovato di fronte a loro diversi provocatori di estrema destra mimetizzati tra i lavoratori. La polizia dal conto suo sembra aver caricato a senso unico, caricando gli studenti e ignorando invece i provocatori. Tutto è cominciato quando qualche centinaio di studenti universitari e attivisti sociali si è ritrovato di fronte alla Prefettura di Napoli per contestare l’arrivo del nuovo Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza. Qui però gli studenti si sono imbattuti nei lavoratori dei Consorzi di Bacino aderenti a un sindacato chiaccherato per presunte contiguità con il malaffare cittadino della criminalità organizzata. Tra loro c’era anche Salvatore Lezzi, già noto per diverse aggressioni ad attivisti e per aver organizzato una rivolta contro un centro di accoglienza per immigrati nel quartiere di Montesanto. Lezzi e altri lavoratori hanno cominciato a provocare gli studenti in modo da liberare la piazza dalla loro presenza per farsi ricevere dalle autorità , a quel punto la tensione si è alzata e la polizia ha caricato disperdendo gli studenti e inseguendoli fino in piazza Plebiscito. Nonostante i media abbiano presentato la vicenda come uno scontro tra studenti e lavoratori, in realtà si è trattato di qualcosa di più complesso e di un tentativo di rendere ancora più frammentata e individualista la società, gettando il disorientamento tra alcune fasce di lavoratori. Insomma un fatto grave dal momento che gli studenti sono sicuri che i lavoratori presenti in piazza abbiano agito in combutta, o comunque con il favore, degli agenti presenti.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top