Sel. Le dimissioni sul tavolo di VendolaTribuno del Popolo
mercoledì , 13 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Sel. Le dimissioni sul tavolo di Vendola

Mercoledì Vendola si presenterà alla direzione di Sel mettendo sul tavolo il suo mandato di presidente del partito. La situazione fotografa un momento drammatico sancito dallo strappo di Gennaro Migliore e Claudio Fava.

Mercoledì sarà un giorno molto importante per il futuro e per il presente di Sinistra e Libertà. Il motivo? Nichi Vendola si presenterà alla direzione del partito mettendo a disposizione il suo mandato di presidente del partito, il che tradotto significa che potrebbe dimettersi con conseguenze potenzialmente devastanti per la tenuta del partito. Lo strappo di Migliore, Fava e altri parlamentari non poteva del resto passare indenne, ancor più che in queste ore si stanno tenendo molte assemblee territoriali di Sel per decidere il futuro del partito. Nelle ultime ore anche il deputato Alessandro Zan ha annunciato che seguirà Gennaro Migliore, che del resto con la sua scissione ha mandato in tilt il partito e lo stesso Vendola, che infatti ha ammesso “Per Sel è il giorno più difficile, la nostra comunità è ferita“. Insomma è stato un bel colpo per Sel quanto successo nei giorni scorsi, con il gruppo alla Camera che ha perso altri 4 deputati oltre a Migliore, al vicecapogruppo Titti Di Salvo, fino a Fava e a Ileana Piazzoni. Non solo, non è finita qui, secondo alcune indiscrezioni ci sarebbero altri deputati che starebbero pensando all’uscita. Insomma un Sel dilaniato dalle sue stesse contraddizioni, con un Vendola amareggiato che ha detto: “La discussione riguarda cosa debba essere la sinistra e la bussola deve essere la libertà e la giustizia sociale. Sostenere l’area del governo Renzi è per me andare fuori strada, e non rispetta l’identità di questo partito”, accorgendosi forse in ritardo della deriva presa dal partito.  Insomma un Vendola che da un lato si rammarica perchè alcuni dei suoi fedelissimi hanno abbandonato la nave per andare con Renzi, dall’altro ormai propone un partito di opposizione completamente spuntato e svuotato di ogni critica da sinistra al sistema vigente, de-ideologizzato e che rischia, con le sue dimissioni, di scomparire nel nulla. Del resto proprio Sel  in passato aveva dichiarato di voler cercare alleanze a ogni costo col Pd, sbertucciando partiti come l’allora Federazione della Sinistra, l’ennesima riprova dell’incoerenza della proposta politica del partito di Vendola

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/pollobarca/8687228996/”>pollobarca2</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top