Siria. Anche Pechino si inserisce nell'alleanza tra Mosca, Teheran e DamascoTribuno del Popolo
martedì , 19 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. Anche Pechino si inserisce nell’alleanza tra Mosca, Teheran e Damasco

Gli Usa masticano amaro dopo aver constatato che anche la Cina ha scelto di entrare in campo sullo scacchiere della Siria unendosi all’alleanza russo-iraniana a sostegno di Damasco. Una scelta epocale quella di Pechino che ha deciso di fornire aiuti umanitari e addestramento alle forze armate della Siria, un ulteriore passo verso il fallimento del dominio unipolare americano del mondo.

Ulteriore schiaffo alle mire imperialistiche occidentali arriva dalla recente scelta di Pechino di rompere gli indugi e di schierarsi apertamente accanto al governo di Damasco. Da oltre cinque anni in nome della lotta al “tiranno” (non si capisce bene per qualche motivo Assad sia un tiranno e casa Saud degli alleati) l’Occidente ha appoggiato direttamente o indirettamente la guerra civile in Siria, una guerra che ha provocato qualcosa come 400.000 morti e almeno dieci milioni di sfollati. Assad però a distanza di cinque anni è ancora lì, e questo non solo in quanto gode anche di consenso popolare (nessuno nelle sue condizioni avrebbe potuto conservare il potere e anzi vincere la guerra senza il consenso) ma anche perchè Mosca e Teheran hanno deciso di aiutarlo fattivamente, senza ovviamente dimenticare Hezbollah.

Qualcosa poi negli ultimi giorni è cambiato, in peggio per gli americani, dopo il fallito golpe in Turchia che ha nei fatti rovinato i rapporti tra Ankara e Washington e rinsaldato quelli tra Ankara e Mosca, deteriorati dopo l’abbattimento del Su-24 russo da parte dei turchi a novembre. Pochi giorni fa i giornali hanno riportato la notizia dell’attacco russo operato da una base in Iran, uno schiaffo geopolitico sferrato a mano aperta alle mire americane, della Nato e di Israele che ovviamente vedono di cattivo occhio tanto la Russia quanto l’Iran. Non è un segreto che l’Occidente si sia accanito contro la Siria proprio perchè era un paese laico e anti-imperialista, e soprattutto in quanto era ed è un saldo alleato della Repubblica Islamica dell’Iran, il vero obiettivo di queste destabilizzazioni del Medio Oriente.

Ora però il quadro si complica per i rimestatori del torbido e per il Dipartimento Usa dal momento che la Cina ha rotto gli indugi e ha annunciato di voler inviare a Damasco aiuti umanitari e di voler collaborare nell’addestramento delle forze armate siriane. Una scelta di campo vera e propria che produrrà conseguenze importanti, in primis mostrerà al mondo come le politiche aggressive americane rischino seriamente di portare alla Terza Guerra Mondiale, in secondo mostrerà agli Usa come sia ormai finito il tempo dell’Impero unipolare americano. Ad annunciare la storica notizia dell’assistenza cinese alla Siria ci ha pensato l’ammiraglio cinese Guan Youfeu, direttore della cooperazione internazionale della Commissione Centrale Militare cinese che ha appena incontrato a Damasco il generale del corpo d’armata russo Charkov e il ministro della Difesa siriano Fahd Jassem al Freij. A riferirle ci ha pensato l’agenzia di stampa cinese Xinhua. E con l’impegno della Cina ormai il sogno occidentale di rovesciare Assad sembra essere destinato a fallire per sempre.

@Dc

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top