Siria. Ankara abbatte jet siriano per violazione dello spazio aereoTribuno del Popolo
venerdì , 20 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Siria. Ankara abbatte jet siriano per violazione dello spazio aereo

Siria. Ankara abbatte jet siriano per violazione dello spazio aereo

Il governo turco ha abbattuto un jet siriano nei pressi del confine con la Siria perchè accusato di aver violato lo spazio aereo turco. Era da diversi giorni che Damasco accusava la Turchia di ingerenze dirette nelle vicende siriane e di aver preso parte attiva ad alcuni combattimenti.

Era da diversi giorni che dalla Siria arrivavano notizie di combattimenti al confine con la Turchia, con l’esercito di Ankara accusato di aver coperto anche con l’artiglieria la ritirata di alcune colonne di ribelli siriani in territorio turco. Del resto non è una novità che il governo di Erdogan si sia schierato senza tentennamenti con i ribelli siriani, anche quando si sono rivelati essere bande di estremisti islamici pronti a tutto. Nelle ultime ore però un jet siriano è stato abbattuto vicino al confine turco perchè accusato di aver violato lo spazio aereo turco. Lo ha riferito lo stesso premier Erdogan, alle prese con feroci polemiche interne, anche se in Siria accusano la Turchia di aver abbattuto il velivolo in territorio siriano. Il luogo dell’abbattimento sarebbe il confine di Kasab, non lontano da Latakia, dove da diverse settimane l’esercito siriano e i ribelli si stanno fronteggiando in una feroce battaglia che va avanti con diverse vittime da entrambe le parti. Damasco però accusa Ankara di aver abbattuto l’aereo in territorio siriano, mentre stava colpendo obiettivi bellici a Latakia. Nelle scorse settimane proprio la Siria ha accusato direttamente la Turchia di aver permesso l’utilizzo del valico di frontiera Kassab per permettere ai ribelli di infiltrarsi in territorio siriano e penetrare nella periferia nord di Latakia andando a ingrossare gruppi terroristici ormai famigerati come Al Nusra. Damasco ha affermato di avere le prove che l’esercito turco avrebbe aiutato attivamente i ribelli con istruzioni logistiche e militari, fornendo fondi e supporto a tutti gli estremisti e i mercenari che provengono in Siria da tutto il mondo per combattere contro Assad. Ora la tensione tra Damasco e Ankara rischia di raggiungere livelli molto alti, e il timore è che Erdogan voglia imprimere una svolta alla politica estera per sviare le attenzioni sugli scandali che lo stanno mettendo in difficoltà in patria. Il rischio di una escalation militare sul confine turco-siriano è ora molto serio, e il timore è che la Turchia abbia appena cominciato una vera e propria offensiva per supportare i ribelli ormai in rotta in diverse zone della Siria.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top