Siria. Assad accusa: "Isis non nato in Siria"Tribuno del Popolo
domenica , 26 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. Assad accusa: “Isis non nato in Siria”

Intervistato dal Tg1 il presidente siriano Bashar al-Assad ha ricordato come lo Stato Islamico sia stato creato lontano dalla Siria. Il presidente siriano ha anche dichiarato di essere pronto a farsi da parte se questo dovesse essere il volere dei siriani. 

Il Tg1 ha intervistato niente di meno che Bashar al-Assad, presidente siriano che secondo l’Occidente rappresenta se possibile quasi un nemico maggiore dello Stato Islamico. Raggiunto dai microfoni della Rai Assad ha parlato della crisi in Siria e dell’Isis, e ha risposto alle domande che gli sono state poste fornendo materiale per discussioni sull’argomento. Riguardo agli attentati di Parigi il presidente siriano ha detto senza mezzi termini: “Si tratta di un crimine orribile, noi in Siria sappiamo cosa vuol dire perdere una persona cara: ne soffriamo da 5 anni“. Ma Assad ha detto qualcosa di decisamente più interessante circa la natura del terrorismo islamico in Siria: “l’Isis non è iniziato in Siria: Baghdadi è stato rilasciato dagli Usa, lo stesso Blair ha detto che la nascita dell’Isis è frutto anche di errori dell’Occidente“.

Il presidente siriano ha anche operato una apertura sul futuro della Siria spiegando ai giornalisti che se i siriani dovessero volere elezioni presidenziali non ci sarà nessuna “linea rossa”: “se i siriani mi vorranno come presidente, sarà un buon futuro. Se i siriani non dovessero volermi, e io volessi rimanere agganciato al potere, questo sarebbe sbagliato“. Insomma Assad ha ribadito come ogni decisione sulla Siria dovrà essere presa dai cittadini siriani: “La cosa più importante è che ci siederemo gli uni accanto agli altri, anche con l’opposizione, e presenteremo il nostro programma e il nostro piano come siriani“. Tutto comunque secondo il presidente siriano dovrebbe essere rimandato a quando verrà sconfitto il terrorismo.

Ecco l’intervista del Tg1

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top