Siria. Bombe su ospedali Msf, accuse incrociate tra Ankara, Mosca, Damasco e WashingtonTribuno del Popolo
lunedì , 11 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. Bombe su ospedali Msf, accuse incrociate tra Ankara, Mosca, Damasco e Washington

Sempre più preoccupante il quadro in Siria dove in giornata diversi ospedali Msf e due scuole sono stati colpiti da bombardamenti che, secondo Ansa, avrebbero causato almeno 50 morti. Le potenze coinvolte però si accusano a vicenda, con i turchi e l’Osservatorio siriano sui diritti umani che accusano Mosca, il Cremlino che smentisce e Damasco che accusa direttamente gli Stati Uniti. 

L’unica cosa certa della giornata è che in Siria la guerra infuria ancora a dispetto dei tentativi di distensione. La notizia battuta dai media in mattinata era quella che alcuni ospedali di Médecins Sans Frontières (Msf) e due scuole  tra Idlib e Azaz sono state colpite da bombe che hanno causato diverse vittime, forse più di 50. Un dramma nel dramma della guerra in Siria, attribuito subito da tutti i media alla Russia sulla base di fonti turche e di Al Jazeera, non certo organi neutrali nel ginepraio siriano. Poco dopo gli stessi media che avevano pubblicato come certa l’attribuzione dei bombardamenti ai russi sin dal titolo rettificavano specificando le fonti. E infatti poco dopo è arrivata la smentita russa per bocca del portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova che ha definito le accuse come un “esercizio di propaganda in corso(Ansa), specificando poi che nelle informazioni diffuse dai media non ci sarebbero informazioni specifiche da potersi presentare come prove. Non solo, Damasco  per bocca dell’ambasciatore siriano a Mosca Riyad Haddad ha incolpato direttamente gli Stati Uniti di  aver colpito la clinica di Medici Senza Frontiere e non le forze aeree russe (Ansa e Interfax). E quindi a chi credere? Nessuno lo sa, anche perchè non si può certo sostenere che le fonti turche siano credibili dal momento che Mosca e Ankara sono ai ferri corti. Si potrebbe farlo ma allora su che base giudicare come false tutte le accuse circostanziate fatte dal Cremlino ad Erdogan? Soprattutto i media hanno preso per buone le fonti turche senza nemmeno mettere in risalto come i turchi stessi stiano bombardando pesantemente il Nord della Siria per impedire ai curdi dell’Ypg di sconfiggere i ribelli finanziati da Ankara. Peraltro proprio il 14 e il 15 febbraio proprio i turchi hanno ammesso di aver bombardato la città di Azaz , ovvero la stessa città dove è stato colpito un ospedale Msf. Dunque noi non siamo qui in grado di capire cosa effettivamente sia successo ma sicuramente possiamo ritenere perlomeno superficiale il ritenere credibili notizie di fonti turche o di Al Jazeera in quanto non sono neutrali nel conflitto siriano.

PS: In questo mondo sempre più polarizzato ed estremizzato non bisogna mai dare nulla per scontato in quanto c’è sempre qualcuno pronto a travisare e strumentalizzare. Di conseguenza lo scriviamo qui in modo netto: bombardare ospedali e scuole è un crimine contro l’umanità e chiunque ne sia il responsabile è da esecrare indipendentemente da simpatie o antipatie. Per questo ci piacerebbe vedere nei giornali anche foto e articoli che documentano le nefandezze commesse in Yemen, dove ospedali e scuole sono state colpite sistematicamente.

Tribuno del Popolo 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top