Siria. Curdi accusano Ankara di supportare Al-Nusra al confine | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
martedì , 28 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. Curdi accusano Ankara di supportare Al-Nusra al confine

Mentre la tregua regge pur con continue violazioni in tutta la Siria i curdi dell’Ypg hanno riferito a RT.com di avere le prove dell’aiuto fornito da parte della Turchia ai miliziani di Jahbat Al-Nusra, la costola siriana di Al Qaeda. Ciò dimostra come a dispetto dei cessate il fuoco ci siano forze esterne alla Siria ancora interessate a continuare la guerra. 

Pur di arrivare a una soluzione che porti a uno smembramento della Siria in tanti non hanno alcuna intenzione di smetterla di gettare benzina sul fuoco e di ingerire negli affari interni della Siria. Secondo quanto riportato dal giornalista di RT.com, Lizzie Phelan, che ha viaggiato assieme ai combattenti curdi dell’Ypg, i terroristi jihadisti di Al-Nusra, costola siriana di Al Qaeda, avrebbero spostato i loro campi proprio a ridosso del confine con la Turchia in modo da ricevere rifornimenti regolari proprio dal confine turco. Quanti ritengono RT.com una fonte di parte dovrebbero però ricordarsi che per almeno cinque anni sono state prese per buone sulla Siria e sul Medio Oriente notizie che sono state diramate da Al Jazeera o altri network che sono tutto tranne che neutrali. Come riferito dalla corrispondente di RT nelle città siriana di Azaz si assisterebbe a un continuo passaggio di veicoli provenienti dalla Turchia e proprio nei dintorni della città ci sarebbe un piccolo villaggio che secondo i curdi verrebbe utilizzato da Al-Nusra come luogo di addestramento. Del resto Ankara ha detto molto chiaramente di ritenere l’Ypg alla stessa stregua del Pkk, e quindi un movimento terroristico vero e proprio. Erdogan infatti si è concentrato principalmente nella lotta contro i curdi, al punto che in tanti hanno accusato Ankara di fare il doppio gioco. Proprio i curdi accusano Ankara di sponsorizzare a diversi livelli i gruppi terroristici in Siria, e Ankara ha più volte espresso felicità quando la scorsa primavera il governo di Damasco vedeva gruppi jihadisti consolidare conquiste territoriali poi in parte vanificate dall’intervento russo. Anzi i curdi avrebbero riferito a RT che i prigionieri curdi verrebbero inviati dai turchi direttamente ad Al-Nusra mentre al contrario i feriti dell’Isis verrebbero curati in ospedali turchi. Finora i turchi hanno negato queste accuse e hanno sempre detto di colpire l’YPg per i suoi legami con il Pkk, ma tutti i guerriglieri ribelli intervistati dall’emittente russa hanno ammesso candidamente di essere certi che la Turchia offra assistenza ad Al Nusra e al Daesh. A ribadire le intenzioni turche del resto ci ha pensato lo stesso Erdogan che ha detto che la Turchia ha il diritto di realizzare operazioni militari non solo in Siria, ma in qualsiasi paese che ospiti gruppi terroristici che minacciano lo Stato turco.

Fonti:

https://twitter.com/LizziePhelan

https://www.rt.com/news/334483-turkey-nusra-ypg-exclusive/

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top