Siria. Damasco pronta ad accogliere commissione Onu su armi chimicheTribuno del Popolo
mercoledì , 29 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. Damasco pronta ad accogliere commissione Onu su armi chimiche

Damasco ha fatto sapere di essere pronta ad accogliere la commissione d’inchiesta dell’ONU sulle armi chimiche. Negli ultimi giorni aveva fatto discutere l’ex procuratore capo del Tribunale penale internazionale Carla Del Ponte che aveva accusato i ribelli di aver utilizzato armi chimiche.

Photo Credit

Ricorderete tutti il risalto incredibile con cui i media di tutto il mondo avevano dato in poche parole per scontato l’utilizzo di armi chimiche da parte del governo di Damasco. A oggi però, a dispetto di parole e accuse, nessuno ha trovato uno straccio di prove che inchiodasse Damasco alle sue responsabilità; al contrario proprio i ribelli sono stati accusati di aver utilizzato armi chimiche nientemeno che dall’ex  procuratore capo del Tribunale penale internazionale Carla Del Ponte. La notizia ha scompaginato i piani dell’Occidente che sembrava quasi alla ricerca di un casus belli per attaccare la Siria e il governo di Bashar al-Assad. Oggi proprio Damasco ha fatto sapere di essere pronta ad accogliere la commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sulle armi chimiche. Ad affermarlo  il vice-ministro degli Esteri siriano, Fayçal Moqdad, mentre le Nazioni Unite sostengono che ad aprile il governo ha negato l’accesso alla missione. D’altro canto proprio il governo siriano si dice sicuro di avere le prove che, ad utilizzare le armi chimiche, siano stati proprio i ribelli. Mentre sul terreno continuano i combattimenti, la difficile mediazione internazionale nella crisi siriana resta sotto la guida di Lakhdar Brahimi, persuaso dal segretario generale della Nazioni Unite, Ban Ki Moon, a proseguire la missione. Brahimi aveva ventilato l’intenzione di lasciare l’incarico a causa dello stallo nei colloqui. Intanto sul terreno va registrato un nuovo successo dell’esercito siriano che sarebbe riuscito a liberare importanti zone di Aleppo che erano ancora sotto controllo delle bande ribelli.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top