Siria. La guerra si espande in LibanoTribuno del Popolo
mercoledì , 29 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. La guerra si espande in Libano

Il conflitto siriano infiamma ora anche il Libano dopo che lo sceicco Al Assir e i suoi miliziani sunniti hanno lanciato un attacco contro alcune posizioni di Hezbollah. I miliziani si sono scontrati contro i soldati libanesi, facendo piombare il Paese nel caos.

Il Libano non è più un Paese sicuro, lo ha stabilito il Consiglio di cooperazione del Golfo (Ccg), che riunisce i paesi della penisola arabica (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Oman, Qatar e Bahrein), che nelle scorse ore ha emesso un avviso con il quale sconsiglia vivamente i viaggi in Libano, tradizionale luogo di vacanza per molti arabi benestanti. Intanto la violenza vera e propria si è propagata nel Paese con scontri a fuoco furiosi tra i miliziani sunniti dello sceicco Al Assir e i soldati governativi. Tutto è cominciato nelle scorse ore, quando i miliziani salafiti collegati ai ribelli siriani hanno occupato la località di Abra, a quaranta chilometri da Beirut. Da ieri sarebbero in corso pesanti combattimenti tra l’esercito regolare libanese e gli estremisti islamici, e 12 soldati di Beirut sarebbero rimasti uccisi nel conflitto a fuoco. Almeno tre gli estremisti sunniti rimasti sul terreno, anche se i caduti potrebbero essere molti di più. Le tensioni erano altissime già da settimane ma la situazione è degenerata dopo che Al Assir e i suoi uomini hanno lanciato un attacco contro un edificio di Hezbollah. Ieri mattina, dopo che a un posto di blocco l’esercito governativo ha fermato un membro del gruppo di Al Assir, i salafiti armati arroccati ad Abra hanno aperto il fuoco contro i soldati, che da ieri tentano di stanarli. Intanto, negli scontri è stata danneggiata la centrale elettrica di Zahrani-aramun, che si trova nei pressi di Sidone lungo la strada costiera, interrotta. Di conseguenza da ieri alcune zone del Libano sono senza luce elettrica. Al Assir da mesi rastrella giovani estremisti sunniti che invia in Siria a combattere contro Bahsar al-Assad, e in un messaggio video ha accusato l’esercito libanese di essere “iraniano, confessionale e formato da sgherri di Hezbollah”. Sempre nel video lo sceicco salafita invitava tutti tutti i nobili, sunniti e non sunniti, dell’esercito” a disertare per unirsi alle sue milizie. E la notte scorsa, Israele ha effettuato un bombardamento sulla Striscia di Gaza, dopo che militanti palestinesi avevano lanciato sei  razzi verso il  territorio dello Stato ebraico. Il raid avrebbe provocato la morte di un palestinese ed il ferimento di altri due. Il rischio è quindi quello di una guerra civile confessionale che potrebbe insanguinare anche il Libano, visto e considerato che a Beirut sarebbero arrivati anche decine di ribelli siriani che, vedendosi a malpartito in Siria, potrebbero tentare maggior fortuna nel Paese dei “cedri”.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top